in ,

Loris Stival news a Quarto Grado: Veronica Panarello parla dello zainetto del figlio

È durato poco più di 7 ore l’interrogatorio fiume a Veronica Panarello, avvenuto per sua richiesta quest’oggi nel carcere di Agrigento. La madre di Loris Stival avrebbe confermato anche oggi al sostituto procuratore di Ragusa, Marco Rota, quanto sostenuto al marito Davide nell’incontro di sabato scorso: “Non ho accompagnato Loris a scuola quella mattina, è vero, ma non l’ho ucciso io”. Lo si appreso questa sera in diretta a Quarto Grado.

Francesco Villardita all’uscita dal carcere non si è sbottonato, e ai cronisti che lo incalzavano ha risposto deciso: “Io non vi rilascio nessuna dichiarazione”. Sostanzialmente la 27enne ha confermato la sua nuova versione dei fatti, sostenendo di essersi ricordata – a un anno dall’omicidio del figlio – alcuni episodi di quel terribile 29 novembre. Questo l’antefatto: il 30 ottobre Veronica telefona al marito – “Ho bisogno di parlarti di persona, devo dirti delle cose importanti” – inizialmente Davide non vuole accettare, poi cambia idea dopo avere consultato il suo avvocato Daniele Scrofani. Va e incontra la moglie in carcere, che gli rivela una nuova verità e dice una frase assolutamente inaspettata: “Se mi facessero uscire di qui e potessi girare in quei luoghi forse potrei trovare lo zainetto”. Cosa significa? Sa qualcosa dello zainetto del figlio mai ritrovato, o si sta solo offrendo di aiutare gli inquirenti a cercarlo?

Sarà ora compito degli inquirenti capire se la Panarello mente o davvero ricorda solo ora cosa accadde quella mattina. Durante la trasmissione, tuttavia, è stato mandato in onda un fotogramma inedito che mostra la ragazza il 29 novembre, con il figlio più piccolo in braccio, in attesa che Loris uscisse da scuola. Fingeva? Perché andò a prenderlo se, come da lei stesso confermato, quella mattina non ce lo portò?

Un Posto al Sole anticipazioni

Un Posto al Sole anticipazioni settimanali 16-20 Novembre 2015: Silvia perderà il bambino?

parigi uomini armati terrorismo

Attacco terroristico a Parigi: 3 sparatorie in contemporanea, almeno 18 morti