in ,

Loris Stival news, Veronica al marito dopo il delitto: “Facciamo un viaggio?”

“Ci facciamo un viaggio insieme?” questa la proposta che Veronica Panarello avrebbe fatto al marito nei giorni immediatamente successivi al terribile omicidio del loro figlioletto Loris, avvenuto il 29 novembre 2014. Risulta ancora più agghiacciante il fatto, se lo consideriamo alla luce di ciò che è emerso dalle indagini, dall’autopsia sul corpo del bambino, e dalle inquietanti recenti dichiarazioni di Veronica, che a un anno dal delitto parla di “incidente domestico con le fascette” e ammette di aver gettato via il corpicino del figlio in un canale di campagna, piuttosto che chiamare i soccorsi – se davvero di incidente si è trattato – e tentare il tutto per tutto per salvare la vita al suo bambino.

L’indiscrezione è stata diffusa oggi, nel giorno in cui l’udienza preliminare per decidere il rinvio a giudizio della 27enne è stata rinviata al 3 dicembre, a fronte delle nuove perizie sulle fascette (presunta arma del delitto) presentate dalla Procura. A raccontare della surreale proposta – visto il tragico momento che la famiglia Stival all’epoca dei fatti stava (e sta ancora) vivendo – lo stesso Davide Stival in una deposizione rilasciata agli inquirenti quattro giorni fa. La sua testimonianza, scaturita dalle recenti nuove dichiarazioni della moglie, è stata acquisita agli atti dell’inchiesta.

“Veronica non ha mentito, aveva rimosso i fatti. Quella che ha sempre dato agli inquirenti non è mai stata una versione ‘falsa’ ma la sua verità in quel momento. Poi, quando ad agosto è uscita dal carcere per recarsi in cimitero a pregare sulla tomba di Loris, ripercorrendo le strade dei suoi luoghi ha iniziato a ricordare e rielaborare quanto accaduto quel giorno …”, lo ha detto Francesco Villardita, legale di Veronica, oggi in diretta a Pomeriggio 5.

Detto Fatto ricette

Detto Fatto ricette: Michel Paquier e il gateau au chocolat

Pier Paolo Baretta flessibilità

Riforma pensioni 2016 ultime novità: prepensionamenti, flessibilità e Quota 41 nel 2016, lo afferma Pier Paolo Baretta