in ,

Loris Stival, ultime notizie Veronica Panarello: le rivelazioni sul suocero e la figlia

Nell’interrogatorio in carcere del 19 febbraio scorso, Veronica Panarello, parlando per 10 ore, avrebbe fornito dovizia di dettagli sulle modalità con cui il suocero suo presunto amante, Andrea Stival, avrebbe strangolato il figlio Loris con un cavetto usb, dopo che il piccolo li avrebbe sorpresi mentre consumavano un rapporto sessuale in cucina, minacciando di raccontare tutto al padre.

“Loris era agitato e mio suocero mi disse di prendere qualcosa per tenerlo fermo. Andai nello sgabuzzino, prelevai la prima cosa che vidi: le fascette. Ne prelevai una o due e le porta in cameretta e mentre mio suocero teneva Loris per le spalle unendogli i polsi, io li bloccai con una fascetta, Loris scalciava ma senza gridare …” (fonte settimanale Giallo), avrebbe raccontato Veronica, fornendo anche la precisa ricostruzione del periodo precedente, nel quale sarebbe maturata la sua relazione segreta con il padre di suo marito Davide.

Sappiamo che la Panarello aiutava il suocero a fare le pulizie domestiche (è l’uomo a confermarlo agli inquirenti per giustificare le telefonate intercorse tra lui e la nuora, di cui la Procura gli ha chiesto conto, in qualità di indagato per concorso in omicidio, durante l’interrogatorio del 3 marzo scorso), e che l’uomo frequentava spesso la sua casa, “come fa un nonno premuroso, adoravo i miei nipotini”, ha puntualizzato il signor Stival, rigettando con forza la chiamata in correità.

Veronica avrebbe anche spiegato perché il suocero rimase a vivere da solo: un grave litigio con la figlia Jessica (nonché cognata della Panarello) che portò la stessa a decidere di andar via di casa e trasferirsi a vivere dal fidanzato: “Ho una relazione extraconiugale con mio suocero sin da quando mia cognata Jessica Stival, a seguito di una lite con il padre, è andata via di casa e lui è rimasto da solo”. Possibile dunque che la magistratura chieda conto di questo episodio alla stessa Jessica Stival, oltre che del suo rapporto con il padre. Pare infatti, come confermato dall’avvocato Daniele Scrofani durante un intervento televisivo di qualche settimane fa, che nemmeno il suo assistito, Davide Stival marito della Panarello, abbia buoni rapporti con il padre, “per motivi che non hanno niente a che vedere con l’omicidio di Loris”, precisò tuttavia il legale.

>>> Leggi le INTERVISTE ESCLUSIVE di UrbanPost agli avvocati Daniele Scrofani, legale di Davide Stival, e Francesco Villardita, legale di Veronica Panarello

Un uomo rimasto solo, che chiedeva alla nuora un aiuto domestico, dice lui. “Mi copriva di attenzioni e mi riempiva di complimenti, anche per il mio aspetto fisico”, racconta invece lei agli inquirenti, ammettendo di avere ceduto alle sue lusinghe, sentendosi molto trascurata dal marito, spesso assente per lavoro. “Mio suocero cominciò a frequentare casa mia con assiduità verso maggio 2014, soprattutto nelle ore di pranzo e cena” – avrebbe fatto mettere a verbale la 27enne, come riporta il settimanale Giallo –  “mi faceva dei complimenti anche nelle occasioni in cui ci recavamo al mare, seppur in compagnia di mio marito e della compagna dell’epoca, una ragazza di Ragusa, ma non in loro presenza; mi rendeva partecipe della sue faccende, chiedeva che dovevo essere io a recarmi in casa sua per effettuare le pulizie…”.

paradise papers list

Madonna tour 2016, il concerto di Brisbane inizia in ritardo e l’artista sbotta: “Venite più tardi” [VIDEO]

roberta ragusa ultime notizie

Pomeriggio 5 anticipazioni puntata 18 marzo: Roberta Ragusa, annullato il proscioglimento di Logli?