in ,

Loris Stival Veronica accusa il suocero, Antonella Stival difende il fratello: “Non è un assassino”

I microfoni di Mattino 5 ieri hanno raggiunto Antonella Stival, zia di Veronica Panarello nonché sorella di Andrea Stival, accusato dalla nuora dell’omicidio del nipotino di 8 anni, Loris.

La donna ha sempre difeso Veronica, fermamente convinta della sua innocenza, ma dopo la chiamata in correità nei confronti del fratello Andrea, Antonella sembra avere cambiato la sua posizione, perso certezze nei riguardi di Veronica. Anche ieri la Panarello ha ribadito in aula le sua accuse al suocero, ammettendo di averlo ‘solo’ aiutato a trasportare il corpo del figlio nel canalone, e di avergli porto le fascette per stringergli i polsi, rilanciando l’accusa di omicidio nei confronti dell’uomo: “Lui ha ucciso Loris, lo ha strangolato con un cavo usb perché aveva visto troppo (la loro presunta relazione clandestina ndr). “Sono pronta ad essere punita per quello che ho fatto” – ha detto la Panarello ammettendo per la prima volta, in maniera chiara, la sua responsabilità – “e non per quello che non ho commesso. Se ci sono mie responsabilità, pagherò. Ma con me deve farlo l’esecutore materiale del delitto, ovvero mio suocero Andrea Stival”.

Adesso Antonella Stival appare disorientata, non è più convinta della sincerità di Veronica e non riesce a immaginare suo fratello nelle vesti di assassino: “Ormai non so più a chi credere, credo solo ai miei sentimenti” – ha detto la donna con la voce rotta dal pianto ai microfoni di Mattino 5“l’ho visto passare poco fa, mentre si recava in tribunale: nei suoi occhi non ho visto un assassino. Credo che Veronica stia mentendo e non capisco perché”.

Totti 40 anni,il Pupone spegne le candeline: le istantanee da conservare [GALLERY]

Uomini e Donne anticipazioni e news

Anticipazioni Uomini e Donne oggi 27 Settembre 2016: in onda il trono classico o il trono over?