in

Luca Laurenti malattia, rivelazioni choc: «Se non fosse stato per mia moglie e Paolo Bonolis…»

Questa sera 29 marzo 2019 torna su Canale 5 l’appuntamento con Ciao Darwin 8, lo show targato Mediaset, condotto da una coppia inossidabile: Paolo Bonolis e Luca Laurenti, grandi amici anche nella vita. Nonostante qualcuno avesse parlato di un allontanamento, sembra proprio che il duo sia destinato in futuro a tenere ancora compagnia ai telespettatori. «Io ho sposato Paolo Bonolis a livello umoristico: ridiamo delle stesse cose. Per il resto siamo diversi!», ha affermato Luca Laurenti, che ritiene Paolo Bonolis un punto fermo della sua vita. Proprio grazie al conduttore con cui lavora ad Avanti un altro Luca Laurenti ha conosciuto la sua compagna nel lontano 1994, Raffaella Ferrari, che lo ha aiutato a riprendere in mano la sua vita in un momento difficile. 

Luca Laurenti e il problema della depressione

A vederlo in tv non lo direste mai, però Luca Laurenti da anni porta avanti una sua dura battaglia personale: la depressione. In un’intervista di qualche tempo fa a Vanity Fair il comico 55enne ha confessato la malattia, puntualizzando che decisivi sono stati Bonolis e la sua Raffaella: «È stato Bonolis a presentarmi Raffaella Ferrari, la donna della mia vita che ho sposato nel 1994 e da cui ho avuto, tre anni dopo, mio figlio Andrea. Con Raffaella me ‘so risolto. Mi ha fatto uscire da ‘na mezza depressione, mi ha dato l’equilibrio. Lei è l’elemento quadrato, terreno della coppia!». Senza i suoi affetti Luca Laurenti non ce l’avrebbe mai fatta. Una coppia libera quella di Laurenti con la compagna, una relazione aperta che ci tiene molto a tutelare la libertà dell’altro: «Io e mia moglie stiamo bene sia insieme che a distanza. Ogni coppia ha il suo codice e il nostro è sempre unificante. Non ci sono cose che uno può fare o non può fare!», ha rivelato il conduttore e imitatore.

Luca Laurenti: dalle balbuzie all’agorafobia

La depressione non è soltanto l’unico problema con cui ha dovuto fare i conti Luca Laurenti: «Balbettavo, non avevo ancora capito che la balbuzie è timidezza, è una porta che non si apre!», ha ammesso il comico ed è questa una difficoltà che lo lega ancor di più a Paolo Bonolis, che ne soffriva da piccolo. Ma non è finita qui, Luca Laurenti ha ammesso di avere avuto da giovane parecchie paure, oggi superate: «C’avevo tutte le paure, le fobie, l’agorafobia soprattutto. Avevo il terrore di incontrare la gente e stavo al chiuso, quando uscivo camminavo rasente i muri. L’ho vinta affacciandomi fuori. Hai paura di una cosa? Falla! Dopo un po’ di volta ti passerà. Andavo a suonare per i bambini alle feste di compleanno!».

leggi anche l’articolo —> Alfonso Signorini malattia: dopo la leucemia un altro problema di salute per il direttore di “Chi”

Napoli, nozze tra cantante neomelodico e vedova del boss: convegno anti-camorra spostato

Commissione Banche M5S e Gianluigi Paragone: perché “spaventano” Mattarella