in ,

Luca Tromboni imprenditore ucciso a Rozzano 10 mesi fa: arrestato il fratello

Luca Tromboni era stato ucciso a colpi di arma da fuoco il 19 marzo 2015 nella sua azienda di Rozzano. L’uomo, imprenditore 50enne titolare insieme al fratello di una ditta che produce viti e bulloni e ha sede a Quinto de Stampi, una frazione di Rozzano, nel Milanese, fu ritrovato l’indomani mattina dalla madre, senza vita, riverso in una pozza di sangue all’interno del locale della sua azienda.

Dopo dieci mesi di indagini, che dal primo istante esclusero la pista della rapina, la svolta nel caso. Questa mattina 25 gennaio, infatti, il fratello 43enne consocio della vittima, Sandro Tromboni, è stato tratto in arrestato perché accusato di essere lui il responsabile dell’omicidio.

Ad incastrare l’uomo l’alibi ritenuto da subito poco convincente, smantellato durante mesi di indagini. In questi mesi gli uomini del nucleo investigativo dei carabinieri di Milano sono infatti riusciti a scoprire che Ronconi avrebbe nutrito un astio profondo nei confronti del fratello, maturato nell’ambito del lavoro e legato, a quanto pare, a questioni economiche e rancori personali. Di qui il movente dell’efferato omicidio.

Sandro Tromboni secondo l’accusa avrebbe organizzato e pianificato il delitto con cura, per questo gli viene contestato il reato di omicidio volontario con l’aggravante della premeditazione.

Calciomercato Roma news

Calcio Roma news: De Rossi graziato dal giudice sportivo, nessuna sanzione

friends e the big bang theory insieme

Friends e The Big Bang Thoery insieme: la foto fa impazzire i fan