in

Luciano Cannito e la trasformazione grazie all’amore per la danza

È difficile immaginare Luciano Cannito, ex insegnante nella scuola di Amici, il talent di Canale 5 di Maria De Filippi, nonché compagno di Rossella Brescia e talentuoso coreografo e ballerino di fama internazionale, dopo le litigate nel piccolo schermo al fianco di Alessandra Celentano, come un bimbo timido e riservato. Eppure è lo stesso Cannito a raccontarsi così sulle pagine di Vero e a sottolineare come la danza l’abbia enormemente cambiato facendolo passare da bruco a farfalla grazie alla passione che gli bruciava dentro.

amici 13

Su di lui la danza pare aver esercitato una vera e propria funzione terapeutica visto che: “ero il bambino più timido del Pianeta, a scuola rimanevo sempre in silenzio perché temevo di dire sciocchezze e convivevo con una perenne sensazione di inadeguatezza” aggiungendo: “quando ho iniziato a studiare danza, attorno ai quindici anni, la mia personalità è cambiata radicalmente. Sono diventato estroverso e mi sono aperto di più agli altri” e concludendo con: “ a New York ricevetti una standing ovation per un mio spettacolo e fu allora che ripensai a quei momenti”. Dopo avercela fatta, aver ottenuto l’attenzione di tutti Cannito aveva cioè ripensato a quanta strada era riuscito a fare grazie al suo amore per la danza. Sarà per questo motivo che nella scuola di Amici si è sempre preso molto a cuore i talenti che Alessandra Celentano scartava o che non riconosceva come tale? Li voleva aiutare ad uscire dal bozzolo e a fare carriera?

Ora che l’esperienza all’interno del talent pare essersi conclusa già da un anno a questa parte, Cannito vi è ritornato solo come giudice esterno, il coreografo pare continuare a lavorare stretto contatto con Rossella Brescia, sua attuale compagna, e sta preparando uno spettacolo che ha come tema la violenza sulle donne.

ratti rischia sfratto

Usa: uomo rischia sfratto per 300 ratti in casa, richiesto aiuto Protezione animali

Protesta Lega Dl Carceri

Dl Carceri, Senato conferma fiducia. La Lega: “Renzi dalla parte dei criminali”