in ,

L’Uomo Tigre compie 50: tutte le curiosità sul cartone animato giapponese

La celebre serie televisiva anime de L’Uomo Tigre compie oggi 50 anni. La prima puntata andò in onda proprio il 2 ottobre 1969. L’Uomo Tigre è tratto dall’omonimo manga scritto da Ikki Kajiwara e illustrato da Naoki Tsuji. Venne pubblicato in Giappone dal 1968 al 1971 dalla casa editrice Kōdansha. Dal manga sono stati poi tratte tre serie televisive anime, prodotte da Toei Animation: la prima del 1969, la seconda, Uomo Tigre II, del 1981, e una terza, Tiger Mask W, del 2016. Inoltre nel 2013 è uscito Tiger Mask, un film live action basato proprio sulla fortunata serie.

Leggi anche –> Festa dei nonni 2019, oggi mercoledì 2 ottobre: da dove nasce e perché si festeggia

L’Uomo Tigre compie 50 anni: la trama

Naoto Date, il protagonista della serie anime e del manga L’Uomo Tigre, è un orfano cresciuto dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Un giorno, dopo una visita allo zoo, decide di voler diventare forte come una tigre per combattere le ingiustizie nei confronti degli orfani come lui. A questo punto decide di scappare e durante la sua fuga incontra l’emissario della Tana delle Tigri, un’associazione a scopo di lucro che addestra lottatori di wrestling. Si reca così sulle Alpi, dove ha sede la Tana delle Tigri, e lì trascorre i successivi dieci anni, sottoponendosi ad allenamenti durissimi. Dopo essersi fatto una fama di lottatore feroce negli Stati Uniti, decide di torna in Giappone. Esiste tuttavia una legge della Tana delle Tigri per cui ogni lottatore ha l’obbligo di dare la metà dei suoi compensi all’associazione: chi disobbedisce è considerato traditore e subisce punizioni terribili. Naoto Date decide invece di aiutare con il denaro vinto con gli incontri gli orfani. Comincia in questo modo un’interminabile serie di sfide per liberarsi dei sicari mandatigli dalla Tana delle Tigri.

Quando arrivò in Italia?

La serie anime de L’Uomo Tigre arrivò in Italia nel 1982 grazie alla Play World Film con il nome L’Uomo Tigre, il campione. Fu trasmessa inizialmente su Rete 4 e in seguito solo su reti locali fino al 2005, mentre dal 2010 è andata in onda sulla rete satellitare Man-ga. La seconda serie venne presentata in Italia con il nome Uomo Tigre II. Il successo fu immediato e  così le serie vennero trasmesse più o meno regolarmente per i successivi vent’anni. Nel gennaio 2008 la prima serie de L’Uomo Tigre è stata pubblicata in DVD. Per la serie storica giapponese, la sigla originale fu ideata da Hiroshi Nitta, Junsuke Kikuchi e Nashio Kitani. La sigla italiana, invece, fu scritta e cantata da Riccardo Zara: «Solitario nella notte va, se lo incontri gran paura fa, il suo volto ha la maschera tigre, tiger man».

Leggi anche –> Festa dei nonni 2019: le frasi più belle e i messaggi di auguri da dedicare

tortellini pollo bologna

Bologna tortellini al pollo, è scontro tra Lega e Curia: «Un affronto alle nostre tradizioni»

Renzi: «Mi davano per morto, ora sono tornati in fila indiana da me. Salvini? Si guardi dagli amici!»