in

Luvinate incidente stradale: morto ragazzo 17enne

Ieri 14 maggio 2019 è avvenuto un gravissimo incidente attorno alle 13.30 sulla statale 394, nel lungo rettilineo che collega Luvinate a Casciago, in provincia di Varese. Uno scontro tra un’auto e una moto di piccola cilindrata: alla guida della due ruote c’era un ragazzo di soli di 17 anni che, purtroppo, non è sopravvissuto all’impatto.

 

leggi anche: Casorate Sempione incidente stradale oggi: morta una donna di 53 anni, tre feriti gravi

Le dinamiche dell’incidente

Si chiama Lorenzo Giudici il ragazzo che ha perso la vita nell’incidente di Luvinate. Era uno studente all’ultimo anno, il prossimo mese avrebbe dovuto affrontare la prova di maturità. Le dinamiche dell’incidente sono ancora da verificare. Nello scontro Lorenzo è sbalzato dalla sella, ha fatto un volo di alcune decine di metri prima di ricadere a terra. I soccorritori del 118 sono giunti sul posto con ambulanza e automedica, hanno trasportato il giovane all’ospedale di Circolo a Varese dove è arrivato in condizioni critiche. Purtroppo per il ragazzo non c’è stato niente da fare, sono stati inutili i tentativi dei medici di salvargli la vita. Sul posto sono giunti anche gli agenti della polizia locale del consorzio intercomunale e la polizia stradale di Varese. Alla guida dell’auto c’era un ragazzo, anche lui giovanissimo, che è ancora sotto stato di shock.

Lorenzo risiedeva a Barasso, famigliari e amici si stringono nel dolore. Il giovane è descritto da chi lo conosceva come un «un ragazzo d’oro». La comunità si è stretta attorno a mamma Monica, papà Valentino e alla sorella Sara.

incidente ragazzo 17 anni

leggi anche: Incidente domestico, si arrampica sul water e perde l’equilibrio: bimba di 11 mesi muore

Gli amici di Lorenzo: Quello che è accaduto è un’ingiustizia

Don Giuseppe Cadonà, coadiutore della comunità pastorale di Sant’Eusebio, ricorda con affetto sincero Lorenzo: «Era un ragazzo responsabile, attento e disponibile. Quando si prendeva un impegno faceva di tutto per portarlo a termine. Faceva l’educatore in oratorio, era un ragazzo che aveva fede, si faceva tante domande e cercava le risposte. Aveva tanti amici che gli volevano bene: saputa la notizia si sono ritrovati in chiesa a Casciago a pregare. Io ho un legame di amicizia con la sua famiglia, era stato a Parigi a trovarli nei loro tre anni di vita in Francia: era tornato quest’anno per terminare gli studi. In questo momento chiediamo una preghiera fervorosa e profonda per la sua famiglia».

Lorenzo era amato da tutti: ottimi voti, ragazzo pronto a mettersi a disposizione degli altri. La scuola è sconvolta per l’incidente e oggi, mercoledì 15 maggio 2019, insegnanti e compagni avranno un momento di raccoglimento e di confronto. I compagni e gli amici di Lorenzo scrivono sui social «Quello che è accaduto è un’ingiustizia». (foto di repertorio)

Reddito di cittadinanza modulo in arrivo, pronte 130mila disdette: per la rinuncia bisogna pagare

Foggia assenteismo all’ASL: arrestati 8 dipendenti pubblici