in

M5S furibondo con Ballarò: “Floris è la vergogna della tv”

Ad andare su tutte le furie è Gabriele Celso, esponente del M5S di Scandicci, la cittadina toscana dove il giornalista Simone Carolei ha realizzato il contributo il cui tema era la ‘non scelta’ dei grillini che al primo atto da parlamentari non hanno appoggiato nessun tipo di governo. Linea, questa, che poi ha portato alla nomina degli ormai famigerati dieci saggi da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Celso, il giorno dopo (ma forse sarebbe più corretto dire ‘the day after) non la manda certo a dire alla redazione di Ballarò: “Hanno fatto un servizio di merda – ha detto – perchè sono state mostrate solo le interviste di persone che esternavano il loro dissenso dalla scelta politica del Movimento. Floris è la vergogna della tv”.

Ballaro

Il focoso grillino ha poi chiosato: “C’è stata una vera e propria manipolazione della realtà. Una scorrettezza di cui noi abbiamo le prove documentate perché abbiamo ripreso il giornalista Carolei mentre intervistava anche attivisti che erano in piena sintonia con le decisioni del vertice del Movimento”.

Il video in questione, dove sono espressi apprezzamenti al M5S è stato postato dallo stesso Celso su Facebook e quindi è visibile a tutti. Per il momento Floris e la sua redazione non hanno controbattuto alle accuse di Gabriele Celso.

Written by Fabrizio Pucci

Fabrizio Pucci nasce nel 1970 a Livorno, città dove risiede. Nel 1984 pubblica il primo articolo, la presentazione della partita di calcio Livorno-Ancona. Dopo il Liceo inizia una serie di collaborazioni con radio e tv che con gli anni lo porteranno fino a Tele+ e Sportmediaset. Attualmente collabora con Il Tirreno di Livorno. Appassionato di Sport, non si perde una partita del 'suo' Livorno per lavoro, ma anche per amore della maglia amaranto. Pessimista di natura, perché è sempre meglio prepararsi al peggio per poi festeggiare il meglio.

Concerto 1 Maggio 2013 a Roma: programma cantanti e ospiti

Film Middle East Now: a Firenze il cinema del Medioriente di oggi