in

M5S news, Fattori: «Siamo tutti a termine, anche Di Maio lo è», poi attacca Salvini

«Minacce espulsione dissidenti? Segnale di debolezza. Se il M5S si blinda si fa male da solo, i grandi imperi sono finiti quando si sono costruiti i grandi muri. Siamo tutti a termine, anche di Maio lo è, il M5S non è fatto dai leader ma dal suo popolo». E’ una posizione dura quella di Elena Fattori, Senatrice del Movimento 5 Stelle, intervenuta questa mattina ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus. La parlamentare pentastellata ha parlato sia delle tensioni interne al Movimento, in particolare sulle vicende del gasdotto Tap e del Dl sicurezza, sia del rapporto a tratti conflittuale con l’alleato di governo, la Lega di Matteo Salvini. 

La metafora del cuculo per definire l’atteggiamento della Lega nei confronti del M5S

«Sono biologa e ho una grande passione per il mondo naturale e il comportamento animale – ha spiegato Fattori – Assisto spesso a questi scambi di colpe, a questi tweet in cui uno accusa l’altro, in realtà l’unica forza antisistema è il M5S. Il cuculo depone le uova nei nidi degli altri. Il cuculo mi ricorda la vecchia politica che si serve del M5S per darsi una riverniciata, come fa la Lega che invece ha sempre governato e ora accusa il M5S. Più che cercare le colpe magari bisognerebbe stare zitti, rispettare le vittime e cercare le soluzioni tutti insieme. Bisogna stare attenti a chi depone le sue uova nel tuo nido e poi ti caccia via».

M5S news, Fattori: «Siamo tutti a termine, anche Di Maio lo è», poi attacca Salvini

Salvini e gli ambientalisti da salotto: «Dissesto dovuto a mala politica, anche della Lega»

Sulle frasi di Salvini contro gli ambientalisti da salotto Fattori ha detto: «Mi dissocio perché il dissesto idrogeologico è dovuto a 30 anni di mala politica, anche della Lega. E’ un lavoro che non si fa in 3 giorni, non si possono accusare gli ambientalisti che anzi vanno ringraziati per il proprio lavoro. Non è opportuna una frase del genere, specie in un momento di dolore in cui bisognerebbe stare in silenzio. Apprezzo il silenzio dei vertici del M5S nei confronti di queste uscite di Salvini, perché è lui che deve rendere conto delle sue parole. La cultura si fa dal basso sui territori, non si fa con uno che parla da solo in mondovisione. Non credo che un uomo faccia la cultura».

I dissidenti M5S sul Dl sicurezza

Fattori, insieme a De Falco e Nugnes, è nel gruppo dei dissidenti che non vogliono votare il dl sicurezza. «Dissidente non è un termine consono – ha affermato Fattori – Ho un grande amore per il M5S. Insulti sui social? Attenzione a facebook che è uno specchio distorto della realtà, ci sono un sacco di fake che mi accusano. Sono dei profili fake di leghisti che fanno finta di essere del M5S, me ne accorgo che sono fake perché definiscono ‘partito’ il M5S. Il Dl sicurezza non è che non mi piace, è che noi del M5S abbiamo costruito un programma sull’immigrazione. E’ un tema che conosco molto bene. Quando è arrivato questo dl Sicurezza immaginavo che andasse incontro agli obiettivi che erano nel contratto di governo, poi mi sono accorta che invece va in direzione opposta. Sposta tutti i fondi dal pubblico al privato depotenziando gli sprar. In una prima versione si davano gli appalti ai privati senza gara pubblica. Si dà spazio a chi specula sui migranti. Di Maio ha sempre dichiarato che per stroncare il traffico dei migranti bisogna far gestire i centri migranti dal pubblico, in questo dl sicurezza invece si fa tutto il contrario. Siamo 5 persone che ci siamo letti questo decreto e abbiamo fatto questi emendamenti. Adesso non si intuisce, perché c’è tutta la propaganda, ma quando vedremo gli effetti di questa roba penso che non saremo contenti di questo dl sicurezza. Oltre la propaganda è difficile far capire che così l’obiettivo non si raggiunge».

Leggi anche –> Gianluigi Paragone (M5S): l’attacco a De Falco è di quelli che lasciano il segno

 

Written by Andrea Monaci

48 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it, ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto tra gli altri per il "Lavoro e Carriere" e "Il Secolo XIX". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Reggio Emilia ostaggi alle Poste, uomo barricato minaccia: “Vi ammazzo tutti”, poi chiede incontro con Salvini

Elisa Isoardi Salvini fine love story news: la conduttrice avrebbe già un altro amore