in ,

Macerata: donna uccide il figlio 13enne a coltellate: “Volevano portarmelo via”

Tragedia familiare ieri sera a San Severino Marche, in provincia di Macerata, dove una donna di 38 anni, Debora Calamai, ha ucciso a coltellate suo figlio Simone, di 13 anni. Il terribile delitto si è consumato al culmine di una lite scoppiata nella loro abitazione, dopo la cena della vigilia di Natale.

Sono stati i condomini del palazzo in cui abitano madre e figlio a chiamare i carabinieri e il 118, allertati dalle grida provenienti dall’appartamento sito in via Zampa 70, nel quartiere Settempeda. Secondo quanto emerso dai primi rilievi e accertamenti fatti dagli investigatori, il ragazzo dopo aver cenato con sua madre aspettava che il nonno paterno lo andasse a prendere per trascorrere il giorno di Natale con i parenti del padre. Debora, separata dal marito e a quanto pare da tempo affetta da disturbi psicologici, aveva già dato segni di squilibrio in passato e non accettava l’intenzione dell’ex marito di chiedere l’affidamento del figlio. Ieri, quando lo ha visto uscire di casa, colta da raptus lo ha inseguito fin nel pianerottolo di casa colpendolo a morte, con 9 coltellate al cuore.

“L’ho ucciso perché me lo vogliono portare via”, avrebbe detto ai carabinieri che l’hanno arrestata, alludendo alle pratiche in corso per l’affidamento di Simone a suo padre, Enrico Forconi, operaio di 40 anni.

 

Youth - La giovinezza

I 10 momenti più emozionanti del 2014

Salvatore Girone auguri di Natale dall'India

Caso Marò: dall’India gli auguri di Natale di Salvatore Girone