in ,

Mad scuola 2017: insegnare è possibile, ecco come ottenere una supplenza scolastica

Finita l’estate è tempo di pensare al futuro. Anche quest’anno sarà possibile inoltrare le cosiddette MAD, ovvero le Messe a Disposizione che garantiscono agli aspiranti insegnanti non ancora abilitati di poter tentare la strada dell’insegnamento nel mondo scolastico. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle MAD scuola 2017.

Mad scuola 2017: chi può fare domanda?

I laureati non abilitati possono produrre domanda di Messa a disposizione, ovvero possono dare la propria disponibilità a coprire eventuali posti vacanti in qualità di supplenti tramite una semplice istanza da inviare alle scuole. Infatti, la messa a disposizione, non è altro che una candidatura spontanea nella speranza di essere chiamati per sostituzioni, supplenze di breve durata e corsi di recupero.

Mad scuola 2017: come inviare la domanda?

La domanda di Messa a disposizione (MAD) deve essere redatta in modo formale e contenere i dati importanti del docente e può essere inviata alle scuole tramite:

  • PEC
  • Fax
  • Raccomandata A/R
  • Brevi manu

La domanda, è bene segnalare, deve essere inoltrata presso la sede dove è presente il dirigente scolastico e non alle sedi succursali o distaccate in cui lo stesso è reggente. Inoltre, per scrivere una MAD efficace, è bene indicare con precisione i dati anagrafici, i titoli conseguiti e le esperienze eventuali maturate a scuola, oltre ad indicare la classe di concorso. Inoltre, è consigliabile allegare alla MAD un CV formato europeo più altre eventuali certificazioni.

Mad scuola 2017: dove conviene inviarla?

Mad scuola 2017, dove conviene inviare la domanda per la possibilità di ottenere una cattedra? Sconsigliatissimo inoltrarle al Sud: nel Mezzogiorno i posti per l’insegnamento a scuola è in eccesso già per le docenti di ruolo costretti a migrare verso altri lidi per poter insegnare. E allora è consigliato inoltrare la domanda Mad scuola 2017 presso gli istituti scolastici facenti parte del Nord. L’unica provincia a Sud che potrebbe essere interessante per gli aspiranti insegnanti è Napoli.

Ma dove si ha maggiore possibilità di essere contattati? Secondo gli esperti le domande bisogna inoltrarle in Lombardia, specie nel Comune di Milano, oltre al Veneto, il Trentino Alto-Adige, Emilia Romagna e Piemonte. Roma, invece, è uno dei Comuni “grigi”.

Mad scuola 2017: c’è un limite per le domande?

Attenzione. Ricordiamo che per quanto concerne le Mad scuola 2017  non esiste un limite di istituti a cui inviare le MAD, ma è consigliabile scegliere una provincia d’interesse e inviare le domande presso tutte le scuole in cui si desidera insegnare.

È morto Giovanni Aiello, “Faccia da mostro” stroncato da un infarto fulminante: con sé tutti i segreti sulle Stragi di Mafia

È morto Guido Rossi, fu presidente Telecom e FIGC ai tempi di Calciopoli: aveva 86 anni