in

Maddalena Corvaglia, lezioni di autodifesa: “Se qualche viscido mi mettesse le mani addosso non esiterei un secondo” [INTERVISTA]

L’ex storica velina Maddalena Corvaglia è da poco tornata in un programma di Antonio Ricci; è infatti sbarcata al fianco del Gabibbo a Paperissima Sprint durante la quale tiene una piccola rubrica di lezioni di autodifesa, grazie alla sua conoscenza del Krav Maga. Lezioni certamente ironiche ma che vogliono portare il tema della violenza sulle donne in primo piano, durante un programma seguitissimo da tutta la famiglia davanti alla tv. UrbanPost ha raggiunto per qualche domanda la famosa showrigl ed ecco cosa ci ha raccontato Maddalena Corvaglia proprio su questo tema.

Come è nata l’idea della rubrica con le lezioni di autodifesa?
“L’idea è nata in maniera molto semplice. Antonio Ricci mi ha chiesto: «Ma tu meni veramente?» e io ho risposto: «All’occorrenza sì. Se qualche viscido mi mettesse le mani addosso o sfiorasse mia figlia non esiterei un secondo». Lui mi ha poi chiesto di descrivergli come mi immagino un viscido aggressore e così è nata la rubrica. Ovviamente non basta guardarla per imparare a difendersi, ma non era quello il nostro scopo. In maniera giocosa e romanzata abbiamo cercato di mandare un messaggio positivo alle donne. Alle donne Soggetto, non oggetto”.

Come mai ha iniziato a imparare questa disciplina?
“Ho conosciuto per caso il Krav Maga ed è stato amore a prima lezione già 6 anni fa. A causa della gravidanza l’ho accantonato per un po’, ma ora ho ripreso a praticarlo. Contrariamente a ciò che si pensa, non è una disciplina che incita alla violenza, ma mira al rispetto: insegna a rispettare gli altri e, all’occorrenza, a farsi rispettare”.

Pensa che sia importante per le donne imparare a difendersi da sole?
“L’obiettivo del Krav Maga non è quello di addestrare tutte le donne rendendole Nikita, ma può certamente aiutarle, con delle nozioni di base, a prevenire alcune aggressioni. Ovviamente quando parlo di prevenzione non intendo dire che le donne dovrebbero evitare di uscire dopo una certa ora oppure di mettere la gonna o i pantaloncini”.

Come descriverebbe la situazione delle donne in Italia oggi secondo la sua esperienza?
“Le violenze nei confronti delle donne ci sono sempre state e purtroppo ci saranno sempre. Quello che adesso mi spaventa e mi fa più arrabbiare è l’indifferenza degli altri, l’assuefazione a queste atrocità. Il silenzio e l’accettazione fanno più male della violenza stessa”.

Come è stato tornare in un programma di Antonio Ricci dopo l’esperienza a Striscia La Notizia che l’ha resa famosa?
“Ritornare a lavorare con Antonio Ricci e la sua squadra vincente è stato meraviglioso. In meno di un mese si è ricreato il clima di una volta e mi sono sentita subito a casa”.

Grazie

Foto: Instagram

Lo Hobbit anno di pubblicazione

Lo Hobbit di J. R. R. Tolkien: venne pubblicato il 21 settembre 1937

Alex Zanardi

Alex Zanardi Bebe Vio, gli atleti delle Paralimpiadi e la ‘Fabbrica dei miracoli’