in

Maggiorazione sociale Inps 2017: che cos’è, a chi spetta, limiti di reddito e domanda

Che cos’è la maggiorazione sociale? Con questo termine si intende una misura erogata a titolari di pensione di importo minimo che abbiano compiuto i 60 anni; si tratta quindi di una integrazione che spetta a chi ha un reddito personale inferiore ai limiti definiti per Legge ed è beneficiario di pensione di anzianità o vecchiaia, pensione ai superstiti o ancora assegno ordinario di invalidità (L. 222/84). Le maggiorazioni interessano sia trattamenti previdenziali sia trattamenti assistenziali, incrementando anche l’assegno sociale e i sussidi che spettano a ciechi, sordi ed invalidi civili.

Ma qual è il limite di reddito a cui fare riferimento? Secondo quanto stabilito dalla legge 544/1988, nel 2017 il limite di reddito per vedersi assegnare la maggiorazione a partire dai 60 anni è 6.860,36 euro se il richiedente vive da solo e di 12.685,27 euro se il pensionato è coniugato; i pensionati che rientrano in questa categoria hanno diritto a una maggiorazione di 25,83 euro al mese. Gli scaglioni di reddito si innalzano per i pensionati che hanno un’età compresa tra i 60 e i 64 anni (7.598,89 euro per chi vive da solo e 13.423,80 euro per i coniugati), portando a una maggiorazione mensile di 82,64 euro. Nel caso degli over 70, il limite di reddito annuo è rispettivamente di 8.298,29 euro per i pensionati non coniugati e di 14.123 euro,20 euro per quelli coniugati. Essendo la normativa piuttosto complessa, vi invitiamo a rivolgervi a un ente qualificato per il calcolo preciso; per saperne di più fate riferimento alla circolare Inps con i dati aggiornati.

SCOPRI TUTTI I BENEFICI INPS SU URBAN POST!

Come fare domanda per richiedere la maggiorazione sociale? La richiesta di maggiorazione, da allegare alla domanda di pensione o in un momento successivo per ottenere o mantenere il beneficio, deve essere accompagnata dalla dichiarazione dei redditi (attestante i redditi percepiti lo stesso anno in cui viene erogata la maggiorazione). La domanda va inoltrata all’Inps, rivolgendosi direttamente all’ente o a uno dei patronati riconosciuti.

In apertura: foto di Alexas_Fotos/Pixabay.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

virginia raggi

Virginia Raggi caso polizze: il marito parla del suo legame con Romeo, ecco la verità

elisabetta II, regina elisabetta II, elisabetta II 65 anni sul trono, elisabetta II 65 anni di regno, elisabetta II giubileo di zaffiro, elisabetta II scandali,

Elisabetta II, 65 anni sul trono: scandali e grandi imprese del suo regno