in

Malasanità: non praticano cesareo per tornare a casa prima, tre dottoresse arrestate

Nuovo caso di malasanità a Catania: volevano tornarsene a casa dal lavoro prima, invece di rimanere oltre l’orario per praticare un parto cesareo a una donna in stato interessante il cui feto si trovava a rischio ed era sofferente. Inoltre, hanno anche somministrato alla paziente Atropina allo scopo di alterare gli esami medici per avere risultati irregolari. Il caso risale al 2 luglio 2015.

Come ha spiegato la Procura di Catania: “Per evitare di rimanere a lavorare oltre l’orario previsto, avrebbero omesso di eseguire un parto cesareo nonostante i molteplici episodi di sofferenza fetale emersi dal tracciato e avrebbero somministrato alla gestante dell’atropina per simulare una inesistente regolarità nell’esame medico. La procedura e il non avere informato della situazione i colleghi del turno successivo, avrebbe causato la nascita con lesioni gravissime al neonato“. Amalia Daniela Palano e Gina Corrao dell’Ospedale Santo Bambino di Catania, sono state sospese dal servizio per un periodo di 12 mesi la prima e 6 mesi la seconda. La terza dottoressa, Paola Cairone, è stata sospesa per 4 mesi in quanto: “Pur non essendo a conoscenza degli avvenimenti precedenti, praticava alla paziente per due volte le manovre di Kristeller, pratica bandita dalle linee guida, nonostante un tracciato non rassicurante e non contattava in tempo il neonatologo“.

Oltre a queste accuse, vi è anche il falso nella cartella clinica. Il neonato, purtroppo, è nato con il cordone ombelicale attorno al collo e questa condizione gli ha causato lesioni estremamente gravi: encefalopatia ipossico-ischemica, tetra paresi spastica, grave ritardo neuro psicomotorio e indebolimento del tronco neuroencefalico. Secondo i magistrati, il falso nella cartella clinica è avvenuto sia per delle imposizioni nei confronti delle ostetriche, sia a causa del fatto che sembra essere una normale prassi adottata allo scopo di occultare informazioni e prove di responsabilità. Paolo Cantaro, manager dell’azienda ospedaliera, afferma: “Abbiamo sospeso immediatamente i tre medici, e stiamo cercando di sostituirli per continuare a dare un servizio pubblico in una struttura, come l’ospedale Santo Bambino, alla quale si rivolge ogni anno un imponente numero di donne e gestanti“.

Kylie Minogue altezza: quanto è alta la cantante?

Grammy Nominations 2017: la lista completa della 59esima edizione, tutti i cantanti in lizza