in

Alzheimer, scoperta molecola che blocca la malattia: ricerca tutta italiana

L’Alzheimer è una delle malattie più temute, soprattutto perché non dà via di scampo. Sono anni che l’Alzheimer è considerata senza possibilità di cura, anzi più va avanti e più peggiora. Una malattia difficilissima da vivere non solo per il malato, che perde i propri ricordi, ma anche per le persone care che gli stanno attorno. Gli scienziati non hanno mai accettato che non ci fosse cura e la loro perseveranza ha dato i suoi frutti. I ricercatori della Fondazione EBRI Rita Levi Montalcini hanno scoperto una molecola, l’anticorpo A13, in grado di fermare la progressione della Malattia di Alzheimer (MA) contrastando i difetti che caratterizzano le fasi precoci della malattia e favorendo la nascita di nuovi neuroni. Una scoperta rivoluzionaria e tutta italiana!

malattia alzheimer


Leggi anche: Autostrada A26 riapertura, Genova esce dall’isolamento

Malattia di Alzheimer: scoperto anticorpo

Gli scienziati hanno dimostrato, attraverso lo studio pubblicato su Cell Death and Differentiation, che l’anticorpo A13 è in grado di fermare l’avanzare della Malattia di Alzheimer nelle sue fasi iniziali. Per capire meglio come agisce questo tipo di molecola, dobbiamo prima spiegare che cosa provoca l’Alzheimer a livello fisico.

In poche parole la malattia, nelle fasi precoci, riduce di molto la nascita di nuovi neuroni nel cervello adulto (neurogenesi) a causa dell’accumulo di aggregati tossici della proteina beta amiloide, chiamati A-beta oligomeri. Nel corso di una sperimentazione i ricercatori sono riusciti a neutralizzare gli aggregati tossici iniettando l’anticorpo A13 nel cervello di un topo transgenico con malattia di Alzheimer. Il risultato è stato la nascita di nuovi neuroni e ringiovanire il cervello.

malattia alzheimer

La rivoluzione

Attraverso questa tecnica i ricercatori hanno dimostrato che è possibile ristabilire la corretta neurogenesi. E’ possibile recuperare l’80% dei difetti causati dalla patologia di Alzheimer nella fase iniziale. Per la prima volta sono stati intercettati e neutralizzati sul nascere i singoli “mattoncini tossici”, prima che questi provochino un danno neuronale irreversibile. Una scoperta importantissima che potrebbe aiutare la scienza ha individuare in anticipo l’arrivo della Malattia di Alzheimer.

 

Mattia Briga, la nuova fidanzata è Arianna Montefiori: «In questa vita niente è come te!»

“Live non è la D’Urso”, Carmen Di Pietro sogno erotico di un pornodivo: «Le farei di tutto»