in

Malindi devastante incendio, a fuoco in Kenya le ville dei vip italiani

Un risveglio burrascoso, che ha sconvolto il Kenya. Intorno alle 10.14 un gigantesco incendio ha colpito la Casuarina, quartiere residenziale a Malindi, città situata sulla baia omonima nel sud-est del Kenya, circondata da spiagge tropicali, hotel e resort di lusso.

Malindi devastante incendio, a fuoco in Kenya le ville dei vip italiani

Un paradiso dove vivono e hanno le ville di vacanza moltissimi italiani. Secondo le prime indiscrezioni diverse ville sarebbero state distrutte a Casuarina, dietro il Kilili Baharini Resort. Per fortuna non ci sono state vittime. Molte ville degli italiani, infatti, in questo periodo sono chiuse per la bassa stagione e i proprietari non sono a Malindi. Nella disgrazia si può almeno gioire di questo: nessun morto. A scatenare il mega incendio sarebbe stato un corto circuito partito da una villa di italiani a Casuarina. Naturalmente soltanto le indagini potranno chiarire le reali cause che hanno determinato il rogo. Purtroppo non sono mancati atti di sciacallaggio. L’incendio ha provocato probabilmente più danni del previsto, anche per il ritardo con cui sono intervenuti i vigili del fuoco, che al momento sono a lavoro. «Dopo un’ora dal divampare delle prime fiamme – come si legge su Malindikenya.net – i due mezzi della Fire Brigade di Malindi non si sono mossi ed è dovuto intervenire un mezzo da Kilifi», a circa 60 chilometri di distanza.

Malindi la meta preferita dagli italiani

Malindi (in passato nota anche come Melinde) è una città del Kenya situata nella contea di Kilifi, molto visitata. Una meta ambita, perla dell”Oceano Indiano, situata presso la foce del fiume Galana, circa 120 km a nordest di Mombasa. La popolazione locale vive perlopiù di agricoltura e di pesca, anche se l’economia della città regge sostanzialmente sul turismo, soprattutto internazionale. Diciamo che è una città abitata, specialmente quando c’è la bella stagione, da italiani. Malindi è, infatti, rinomata per le sue spiagge bianche, protette in parte da un’incredibile barriera corallina. Molte delle spiagge appartengono ad aree naturali protette: i turisti amano le tartarughe marine e i due parchi marini contigui di Watamu e Malindi, che proteggono un ampio tratto di costa a sud del centro abitato. Una destinazione che attira anche i cultori della pesca d’altura, pensate che lo stesso scrittore Ernest Hemingway già negli anni trenta vi soggiornò diverse volte per praticare questo sport.

leggi anche l’articolo —> Franco Berrino rivela: «Chi è felice non consuma! Le malattie danno un gran contributo alla crescita del Pil!»

Belen Rodriguez e Stefano De Martino di nuovo felicemente insieme?

“A raccontare comincia tu”: ospiti e anticipazioni puntata 11 aprile 2019