in

Maltempo al Nord: l’Adda in piena al parco della Bisarca (foto e video)

Come da previsioni del tempo, il week-end del Nord-Italia è stato caratterizzato dal maltempo. Strade allagate e fiumi in piena, al punto da sommergere per diversi metri i tronchi delle piante nei pressi della riva. A Rivolta in provincia di Cremona, il livello dell’Adda è arrivato quasi al limite degli argini. L’acqua, siamo andati a verificarne il livello,  scorre veloce e con una violenza che incute timore. All’interno del parco della Bisarca, adiacente al paesino cremonese, c’è una cascatella, dove l’Adda sfoga tutta la  potenza di cui è capace in questi giorni. Sott’acqua , nel punto della cascata, c’è quel che rimane del vecchio ponte che portava a Milano (la strada in questione “parte” da Brescia), abbattuto e rifatto in altra posizione nel 1956.Adda, cascatella al parco della Bisarca

L’acqua, in quel punto soffre un dislivello che, anche se  minimo, risulta  fondamentale per “proteggere” il ponte più moderno,  costruito qualche centinaio di metri più a monte, in quanto garantisce  “sotto” quest’ultimo (parte dell’importante arteria lombarda che prende il nome di Rivoltana) un livello dell’acqua più basso anche in condizioni piuttosto difficili, come quelle di oggi. Il tempo però,  non ci lascia tregua e subito dopo aver fatto qualche foto e due riprese di sfuggita siamo costretti a ripararci prima sotto il chioschetto situato sulla riva del fiume e poi in macchina.

In estate quel posto è un mezzo paradiso, ma con il tempo da lupi di una domenica di maggio decisamente anomala, dopo aver scambiato due parole con alcuni clienti (proprio da loro ci è stata raccontata la storia dei due ponti), evidentemente affezionati al luogo nonostante il nubifragio e la temperatura non  propriamente mite ed aver tentato  invano di accarezzare uno dei tanti gattini che gironzolano nei pressi del chiosco, con il solito fare orgoglioso e diffidente dei felini, fuggiamo velocemente in macchina. Quest’ultima è parcheggiata qualche metro più in là, ai limiti del boschetto che in quel punto costeggia il fiume Adda. Chiudiamo le portiere appena  in tempo per non essere letteralmente investiti da uno scroscio d’acqua impressionante. E, in teoria, sarebbe primavera inoltrata.

Rami spezzati sulle rive dell'Adda

L'impeto dell'Adda in piena

Adda alberi sommersi

le iene show

Anticipazioni Le Iene Show: Filippo Roma e i presunti traffici illeciti in Parlamento

Le Iene Show anticipazioni

Anticipazioni Le Iene Show: il lavoro in nero dei portaborse