in ,

Mamma australiana si tatua, il giudice vieta l’allattamento: ecco perché è così rischioso

E’ successo ad una giovane mamma australiana che, a causa di un tatuaggio, ha dovuto rinunciare ad allattare il figlio. Secondo quanto riportato dal Sidney Morning Herald, alla fonna sarebbe stato vietato dai giudici di allattare il figlio, dopo che il padre del bambino, il quale è separato, aveva chiesto l’affidamento del bambino sostenendo che la donna avesse messo a rischio la salute del piccolo.

La giustizia australiana ha di fatto dato ragione al padre del bambino, negando alla mamma 20enne la possibilità di allattare il bambino. Il tatuaggio della donna risalirebbe allo scorso maggio, quando decise di tatuarsi un dito e un piede senza avvertire il tatuatore del fatto che fosse in pieno periodo di allattamento. Il giudice, pur avendo negato l’affidamento al padre del bambino, ha comunque vietato alla donna di allattare, per il rischio che avesse contratto un virus per via sanguigna durante il tatuaggio.

La vicenda della giovane mamma australiana riapre il dibattito intorno a tatuaggi e piercing in gravidanza e durante l’allattamento. Nonostante oggi sia sempre più raro il rischio di contrarre un virus, date le norme in vigore sull’igiene e la prevenzione, resta infatti sconsigliato il ricorso ai tattoo e ai piercing per i danni che gli agenti chimici degli inchiostri possono causare al bambino.

Photo credit: Robert B. Miller/Shutterstock

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Start Up Italia: MADE IN BO, il contest delle giovani imprese bolognesi

lady gaga prova costume

Prova costume vip: Lady Gaga sirena prima del tour dell’estate 2015