in ,

Mamma rifiuta figlia disabile: “Senza chirurgia plastica non la prendo, è troppo brutta”

Ecco il racconto di una storia incredibile avvenuta ad Azov, in Russia, dove una madre si è rifiutata di tenere la propria figlia disabile, perché “troppo brutta”, se non con l’unica condizione di farla sottoporre ad un intervento di chirurgia plastica, per essere esteticamente piacevole.

Nadezhda, la madre in questione, è una donna single di 41 anni che al momento sta crescendo altri 3 figli. Quando partorì Katya, la figlia disabile, 16 anni fa i medici le dissero che difficilmente la bambina sarebbe potuta sopravvivere. Nadezhda decise di lasciare la figlia in ospedale e tornò a casa. Altri medici, però, non mollarono la presa e riuscirono a tenere la bambina in vita, che in seguito fu affidata all’orfanotrofio. Dopo 16 anni, l’orfanotrofio decise di mandare una lettera a Nadezhda, avvisandola che se non si fosse presa cura di Katya, la ragazza sarebbe stata affidata ad una casa di cura, dai 18 anni in poi.

La madre era convinta che la figlia fosse morta, come ha sostenuto in seguito, e ha voluto incontrarla. Dopo l’incontro tra mamma e figlia, Nadezhda ha detto: “È troppo brutta, senza chirurgia plastica non la prendo“. Gli assistenti sociali stanno cercando di recuperare la cifra richiesta di denaro per sottoporla all’intervento, affinché Katya possa essere piacevole per la madre, che ha ammesso di potersi vergognare con il vicinato… La notizia non sembra nemmeno reale.

matteo renzi

Matteo Renzi a Che tempo che fa su Imu e Tasi: “L’Italia può ripartire”

Il Segreto anticipazioni settimanali 12-19 ottobre: il lato oscuro di Lesmes, Maria in fin di vita