in ,

Mamme e lavoro: Silvia, mamma di due bimbe e di una start up

Urban Donna e Mamme che Lavorano sono andate alla ricerca di testimonianze di mamme che hanno a che fare tutti giorni con il mondo del lavoro in Italia, le difficoltà ma anche i successi di questo connubio. Per questo abbiamo fatto visita alla sede di Piano C a Milano e abbiamo avuto la possibilità di parlare con una delle donne che lavora in questo coworking: ecco la sua storia.

Silvia Azzolina, classe 1979, è la mamma di due bimbe, ha sempre lavorato nel mondo della pubblicità ma dopo la sua seconda maternità non ha potuto continuare a lavorare in azienda perché i tempi e i modi che il mondo del lavoro le richiedeva erano diventati incompatibili con le sue necessità di mamma. Per questo, in accordo con suo marito, è rimasta a casa dal lavoro ma questa situazione non la rendeva felice, anzi il fatto di non avere uno sbocco professionale la faceva soffrire molto. Non le piaceva insegnare alle proprie bimbe che la figura della mamma è quella della casalinga, un ruolo che non le apparteneva. Per questo motivo ha cominciato a lavorare, sempre nel campo della comunicazione, da freelance; lavorare in casa con due bimbe piccole però non è semplice e soprattutto rimanere costantemente nell’ambiente familiare non aiutava Silvia a stare bene e ad uscire da quella bolla di pannolini e biberon.

>>> Leggi la testimonianza di Beatrice Selleri, a C To Work per tornare nel mondo del lavoro <<<

Per questo motivo, dopo aver conosciuto Piano C, ha deciso di provare il coworking, affittando una postazione di lavoro ogni qual volta ne aveva necessità. Questo passo “l’ha riportata nel mondo degli adulti”, le ha dato nuova carica e le ha fatto tornare la voglia di mettersi in gioco. Per questo, poco tempo dopo, ha creato a partire da un’idea della sua mamma una start up, I Dodini, un progetto semplice e originale quanto complesso da realizzare. Chi non vorrebbe diventare protagonista di una fiaba? Attraverso un sito web chiunque può farlo semplicemente caricando una foto nel portale, scegliendo la fiaba a cui si vuole partecipare e richiedendo la versione cartacea (che arriva direttamente a casa) oppure scaricando quella digitale. Le conoscenze professionali di Silvia, il tempo ritagliato per se stessa e il suo lavoro negli spazi di un coworking ma soprattutto il suo essere mamma le hanno permesso di realizzare qualcosa di unico e creativo che non vede l’ora di crescere ancora di più. Certamente – come ci spiega Silvia – non facile far coincidere i tempi del lavoro con quelli dell’essere mamma ma con l’impegno di tutta la famiglia si può fare; oggi Silvia è felice di quello che fa e si sente realizzata ma soprattutto sta creando qualcosa per se stessa e le sue bambine che certamente, da grandi, saranno molto fiere di lei.

Credit Foto:  goodluz / Shutterstock

Grazie a Silvia Azzolina e Piano C

anziana mangiata dalle larve

Lucca, anziana mangiata dalle larve: morta in struttura protetta

scandalo vaticano abusi chierichetti

La Città del Vaticano oggi: 7 curiosità che forse non immaginate