in

Manuela Arcuri incinta pensa al nome che più l’emoziona per il suo maschietto

Sempre più felice di diventare mamma, Manuela Arcuri, splendida interprete de Il peccato e la vergogna 2, ha già annunciato a tutti di volersi prendere un anno di pausa dal set per godersi appieno la gravidanza e la nascita, a maggio, del suo primogenito, che sarà sicuramente un bellissimo maschietto. Nell’intervista al settimanale Intimità, però, l’attrice ha svelato qualche dettaglio in più anticipando che inizierà a pensare al matrimonio con Giovanni Di Gianfrancesco solo dolo la nascita del piccolo.

manuela arcuri gravidanza

La Arcuri riguardo al matrimonio ha infatti detto: “Per ora no. A maggio dopo che effettivamente è arrivata la cicogna, ci penseremo. Vedremo. Meglio fare una cosa alla volta …” . Parlando quindi soprattutto del nascituro e di come desideri il suo rapporto con il piccolo Manuela ha detto di sognare un figlio soprattutto sano, ma anche di volerlo “bello, intelligente e molto, ma molto attaccato alla mamma” anche se pare essersi rassicurata, almeno su questo fronte, visto che qualcuno le ha anticipato che i figli maschi sono più mammoni mentre le femmine si legano di più al papà: “mi assicurano tutti che i maschietti sono attaccatissimi alla mamma. Per cui a questo primo turno mi va di lusso”. Insomma, un’ansia in meno, ma “al prossimo turno” il suo compagno spererà sicuramente nella par condicio e quindi in una femminuccia.

Quel “primo turno” fa proprio pensare, infatti, che Manuela Arcuri non si fermerà al maschietto. Che voglia una famiglia numerosa? Per ora bisogna pensare al piccoletto che nascerà a maggio e che a quanto si legge sarà super coccolato e viziato anche dai nonni.  Come si chiamerà il figlio dell’attrice? Alla giovane coppia ronzano in mente alcuni nomi, ma è la stessa Arcuri ad ammettere che: “essendo un maschietto c’è un po’ meno scelta nei nomi rispetto alle femminucce. In più, siccome di cognome farà Di Gianfrancesco bisognerà optare per un nome che non sia tanto lungo”.

Mourinho: “Inter unico club che ho lasciato piangendo”

Cristo Redentore Corcovado

Rio de Janeiro: il “Cristo Redentore” colpito da un fulmine