in

Marco Carta, il giudice non convalida l’arresto: sui social però contagiosa ironia, i commenti più divertenti

Come avrete letto, il cantante Marco Carta, noto per aver vinto un’edizione di Amici di Maria De Filippi, il Festival di Sanremo 2009Tale e Quale Show nel 2017, è stato arrestato per furto aggravato alla Rinascente di piazza del Duomo a Milano. Il giovane interprete sarebbe stato beccato assieme ad una donna di 53 anni con ben sei maglie del valore di 1.200 euro. Con cura era stato rimosso da queste l’antitaccheggio, ma non l’etichetta flessibile che ha suonato all’uscita. Per Marco Carta sono scattate immediatamente le manette.

Marco Carta, il giudice non convalida l’arresto a Milano: «È estraneo ai fatti!»

Un fatto grave per il giovane cantante. Dal processo per direttissima però è emersa un’altra verità. Il giudice, infatti, non ha convalidato l’arresto, giudicando il vincitore di Amici estraneo ai fatti, che sarebbero da attribuirsi ad altri soggetti. Tutto un grande equivoco? Una brutta esperienza? «È stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta. Il giudice non ha convalidato l’arresto e non ha applicato nessuna misura cautelare. Il fatto è attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona!», ha dichiarato l’avvocato del cantante, Simone Giordano, al termine dell’udienza in tribunale a Milano. Ai cronisti Marco Carta ha raccontato di essere un po’ scosso per l’accaduto: «Non sono stato io a rubare, per fortuna è andato tutto bene, sono felice di poterlo dire!», queste le sue poche parole.

Marco Carta arrestato per furto: l’ironia mordace sui social

Intanto però sui social i «fan» e «non fan» si sono scatenati. Battute, commenti ironici, freddure, di tutto e di più. Vogliamo proporvene alcune davvero esilaranti: «Da oggi alle casse della Rinascente diranno ‘Paga con carta, o fa come Carta?’», ha scritto un utente con sarcasmo. «6 magliette a 1200 euro e il ladro sarebbe lui?» aggiunge un altro. E ancora: «La notizia che mi sconvolge di più è che ci sono magliette che costano 200 euro. E qualcuno che le compra.»«Marco Carta arrestato per furto. Per la musica scadente non era perseguibile!»«Nu jeans e sei magliette», frase accompagnata dalla foto di Nino D’Angelo. Insomma per chi avesse voglia di farsi qualche grassa risata, Twitter resta il posto migliore. Per fortuna poi il giovane cantante è risultato estraneo ai fatti capitati alla Rinascente. Come si suol dire: «tutto bene, quel che finisce bene…».

leggi anche l’articolo —> Marco Carta arrestato dalla Polizia per furto aggravato: cosa è successo 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Charlotte Casiraghi matrimonio con Dimitri Rassam: la prima foto degli sposi dopo il sì

Neymar accusato di stupro: la violenza in hotel a Parigi