in

Marco Travaglio ad Announo: “I partiti fanno la formazione dei quadri a Rebibbia”

Announo, si parla di Mafia Capitale e corruzione e il giornalista Marco Travaglio va giù durissimo: “I partiti di oggi fanno la formazione dei quadri a Rebibbia, mica come un tempo, quando il Partito Comunista Italiano mandava i giovani promettenti alla Scuola delle Frattocchie!”.

L’affermazione è nata in seguito alla discussione con gli ospiti in studio sulla moralità del sindaco di Roma Ignazio Marino– moralità che nessuno sembra mettere in discussione ma che in molti reputano insufficiente- e sulla necessità sempre maggiore di premiare l’onestà in politica: “Non bastano le persone oneste– ha continuato Travaglio- è tutto il cestino che è marcio, anche se ci metti le mele sane a stare lì dentro marciscono”.

Il riferimento al carcere di Rebibbia è poi proseguito: “Carminati, Buzzi, un imprenditore e Alemanno è lì che si sono conosciuti, poi si sono ritrovati fuori e si sono riconosciuti subito” ha affondato ancora il giornalista de Il Fatto Quotidiano.

Ultime notizie calciomercato Lazio: Cataldi verso il prestito

Elena Ceste funerale

Elena Ceste, ultimi aggiornamenti: perché il suo telefono risulta spento dalle 13 del giorno prima?