in

Marco Vannini news: Antonio Ciontoli conosce bene le armi? Le parole dell’ex collega pesano come macigni

Marco Vannini omicidio: Quarto Grado intervista in esclusiva un uomo che conosce molto bene Antonio Ciontoli. Si tratta di un ex collega di lavoro ai Servizi Segreti che sostiene lui abbia una conoscenza approfondita delle armi, contrariamente a quanto sempre asserito da Ciontoli.

Antonio Ciontoli conosce bene le armi? Le parole dell’ex collega pesano come macigni

Il signor Nello Salvato è amico ed ex collega di Antonio Ciontoli. Per la prima volta parla davanti alle telecamere e a Quarto Grado riferisce alcune informazioni utili a capire se il principale imputato nel processo sulla morte del 20enne di Cerveteri abbia o nO dimestichezza con le armi. Ciontoli a dibattimento ha sempre smentito siffatta indiscrezione, dichiarando di non essere avvezzo all’uso delle armi da fuoco. Quella che però ha ferito Marco Vannini lui la deteneva in casa ed era anche carica. “Che Antonio abbia il porto d’armi ne sono sicuro”, ha detto il signor Nello alla inviata di Quarto Grado. “Quella è un’arma che se non è carica non spara”, ha poi aggiunto in riferimento alla pistola con la quale Marco fu ferito, “lui ha certamente visto il proiettile”. Dettagli, questi, che rendono sempre meno credibile la versione fornita da Ciontoli al processo ovvero quella del colpo accidentale, partito per errore.

morte marco vannini news

Antonio Ciontoli: cosa fece subito dopo la morte di Marco

Nello poi aggiunge un altro particolare: “Dopo il fatto (la morte di Marco ndr) Ciontoli mi ha chiuso WhatsApp e non capisco il motivo … forse temeva che potessi raccontare qualcosa di lui?”, si è domandato, interdetto, l’uomo. Antonio Ciontoli, secondo il racconto dell’ex amico, avrebbe con lui interrotto ogni contatto senza un vero motivo, immediatamente dopo la tragedia. Perché? Ennesimo aspetto insoluto, questo, di una vicenda che ha ancora troppe zone d’ombra.

Potrebbe interessarti anche: Marco Vannini news: spunta terzo numero di telefono di Antonio Ciontoli, il mistero dei cellulari sempre più fitto

Elodie, «Una ragazza felice di sperimentare»: le parole bollenti di un famoso attore hard

Napoli, 15enne violentata a scuola da un bidello