in

Marco Vannini news, Antonio Ciontoli ipotesi reato contro prostituta: nuova clamorosa indiscrezione

Omicidio Marco Vannini: nuova clamorosa indiscrezione che riguarda Antonio Ciontoli. Ne dà anticipazione la redazione online di Chi l’ha visto?, che nella puntata del 25 settembre parlerà con dovizia di dettagli della vicenda. Questo il post apparso sulla pagina Facebook del programma di Rai 3:«A “Chi l’ha visto?”: Un misterioso fascicolo su Antonio Ciontoli, esiste davvero? Per l’uomo accusato della morte di Marco Vannini si ipotizzerebbe un reato nei confronti di una prostituta. Esiste davvero questo fascicolo? Chi ne era a conoscenza? Perché viene tirato fuori solo adesso?».

Antonio Ciontoli ipotesi reato verso prostituta: clamorosa indiscrezione di Chi l’ha visto?

Indiscrezioni giornalistiche che ancora non hanno trovato conferma ufficiale da parte della Procura, riferiscono infatti che, secondo quanto avrebbe dichiarato un ex sottoufficiale della Guardia di Finanza, Antonio Ciontoli sarebbe stato aiutato da Izzo in un altro caso che lo avrebbe visto visto protagonista e che riguarderebbe una prostituta. L’indiscrezione emerge dalla trascrizione di una intercettazione pubblicata dal quotidiano online Etruria News e di cui Davide Vannicola  – artigiano amico dell’ex maresciallo di Ladispoli che lo accusa di avere ‘coperto’ Ciontoli consigliandogli di assumersi la responsabilità dello sparo che ferì il povero Vannini, esploso in realtà da suo figlio Federico – avrebbe parlato ai magistrati impegnati nel succitato nuovo filone di inchiesta (partito dopo le sue dichiarazioni a Le Iene) sul caso Vannini in attesa del verdetto della Cassazione, il 20 febbraio 2020.

Qui l’audio diffuso da Chi l’ha visto?:

Davide Vannicola torna all’attacco: nuove dichiarazioni ai magistrati su Izzo e Ciontoli

Nella suddetta trascrizione emergerebbe che «presso la caserma di Ladispoli vi sarebbe un fascicolo che riguarda Antonio Ciontoli aperto per una vicenda di una rapina o estorsione ai danni di una prostituta sull’Aurelia. Secondo quanto esposto dal sottoufficiale della Finanza, l’episodio sarebbe ricaduto nel tratto di strada competente di Roma e per questo la vicenda sarebbe dovuta andare in Procura di Roma. Si sostiene invece che Izzo abbia fatto in modo che l’episodio sia stato fatto ricadere sul territorio di competenza della procura di Civitavecchia, e che quindi il fascicolo finisse nella caserma dei Carabinieri di Ladispoli» (Fonte Terzobinario.it). Un ulteriore elemento che, se confermato, andrebbe a corroborare quanto sostenuto da Vannicola a mezzo stampa: vi sarebbe stato una sorta di ‘patto’ secondo il quale Ciontoli avrebbe aiutato Izzo, una volta in pensione, ad entrare nei servizi segreti, suo grande sogno. Ecco il perché di questo presunto scambio di favori. L’inchiesta va avanti allo scopo di fare chiarezza su quanto sopra riportato. Chi l’ha visto?, intanto, approfondirà la questione.

Potrebbe interessarti anche: Marco Vannini news: Izzo nega amicizia con Vannicola, lui lo smentisce pubblicando un documento inedito (FOTO)

Monte Bianco, il ghiacciaio si muove e minaccia le abitazioni: sgomberate alcune case

Federica Nargi Instagram

Federica Nargi Instagram, la scollatura profonda è mozzafiato: «Disarmante»