in

Margherita Vicario, intervista esclusiva: con Gian Marco Ciampa è di nuovo Leggermente Classica

Se vi siete persi lo spettacolo romano di fine febbraio 2016 all’Auditorium Parco della Musica, perché non siete riusciti ad acquistare in tempo il biglietto, causa sold out, ora non avete scuse. Margherita Vicario, che UrbanPost ha intervistato in esclusiva per voi, e Gian Marco Ciampa, giovane astro nascente della chitarra classica italiana e già vincitore di numerosi concorsi internazionali, stanno per tornare. L’appuntamento, imperdibile, è per il prossimo 14 luglio alla Casa del Jazz. Da Bach a Ella Fitzgerald, da Daniele Silvestri a Francisco Tarrega. “Leggermente Classica”, in versione Deluxe, si proporrà agli spettatori come un viaggio alternativo attraverso arrangiamenti ed elaborazioni in chiave classica di celebri canzoni della musica d’autore italiana e non solo riproponendo l’incontro tra il mondo “Classico” di Ciampa abitato da Joaquin Rodrigo, Roland Dyens e Antonio Vivaldi e quello Pop e “Leggero” della Vicario, con le sue canzoni, e i suoi riferimenti e passioni, da Beatles a Lucio Battisti. A sottolineare l’incontro di questi due mondi, a dare un tocco diverso allo spettacolo portando una nuova prospettiva, una nuova e diversa esperienza musicale, vi sarà, l’Orchestra Sinfonica Giovanile di Roma, 52 elementi diretti magistralmente dal Maestro Vincenzo di Benedetto, che attraverserà insieme ai protagonisti i diversi repertori e racconterà le derivazioni, i legami e i punti di contatto che esistono tra questi due approcci e mondi musicali.

Per farci raccontare qualcosa di più e sentire la voce di una delle protagoniste dell’evento romano UrbanPost ha intervistato la giovanissima attrice e cantautrice romana Margherita Vicario che dopo il film Cristian e Palletta contro tutti, nelle sale dal 12 maggio, dopo un singolo, un EP, un album, un film con Woody Allen, uno con i The Pills e diverse serie tv per il piccolo schermo, fra cui una per Mediaset in onda prossimamente, ha promesso di finire quanto prima il suo secondo album e di portare in tour Leggermente Classica non appena Gian Marco Ciampa sarà rientrato dall’Australia. Ecco cosa ci ha detto Margherita Vicario.

Cosa vorresti dire per invogliare il pubblico ad affollare la platea e a non perdersi l’appuntamento del 14 luglio con Leggermente Classica Deluxe?

Posso dire al pubblico che, secondo me, vedere 52 elementi che suonano insieme sul palco canzoni famosissime, come le canzoni di Battisti, però tutte ri-arrangiate in chiave classica, deve essere una bellissima esperienza, una di quelle che non si possono perdere.

Cosa è cambiato dal 20 Febbraio, giorno in cui Leggermente Classica ottenne un ottimo successo, ad oggi? Cosa avete cambiato, quali novità vedrà chi è già venuto ed ha scelto di tornare e cosa dovrà aspettarsi chi, invece, si avvicinerà allo spettacolo per la prima volta?

Chi è già venuto e ha scelto di tornare sicuramente vedrà una versione Deluxe di Leggermente Classica. Una versione più ampia. Prima c’era uno splendido quartetto d’archi, ed ora, come già anticipato, ci sarà una meravigliosa orchestra sinfonica. Oltre a ciò è stato dato un po’ di spazio in più alla musica classica e quindi verranno eseguiti pezzi di repertorio come i brani di Vivaldi, di Mendelsohn, pezzi più sostanziosi del repertorio classico. Cosa è cambiato? Beh sono stati chiamati tre arrangiatori che hanno scritto le parti d’orchestra di cover o brani miei. C’è stato un lavoro di squadra molto più grande.

Eventi Roma

Se tu dovessi consigliare la partecipazione all’evento a determinate categorie di persone quali sceglieresti e quale parte dello spettacolo consiglieresti loro? (Ad esempio, la prima parte, più legata alla musica classica, la consiglierei alle persone che non sono ancora andate in ferie, che sono più stressate e vogliono rilassarsi, la seconda parte, invece, a chi è più curioso e vuole sentire come sono stati ri-arrangiati i brani)

È una domanda difficile. I miei coetanei, gli adolescenti e non solo potranno ritrovarsi nei pezzi di Daniele Silvestri, oppure nell’ospite d’eccezione Wrongonyou, ovvero Marco Zitelli, giovane musicista romano, classe 1990. Artista eclettico, emozionante, completo. Capace di portarti in un genere tutto suo che nasce dall’unione di Folk, elettronica, acustica, soul, ambient. In generale però lo spettacolo abbraccerà tutti. Nella scaletta è previsto che la prima parte sia basata più che altro sulla riscrittura di  pezzi famosi, mentre la seconda parte sarà basta su brani originali, miei, di Wrongonyou … Tutti potranno trovare ciò che cercano. Tutti rimarranno soddisfatti. Lo spettacolo è dedicato a chiunque, a chi conosce grandi capolavori e li vuole sentire in una nuova veste, a chi è abituato ai miei brani e vuole sentirli non solo in chitarra e voce. È uno spettacolo per chi conosce la musica e chi, invece, non la conosce e ci si sta avvicinando pian piano.

C’è qualcosa che puoi anticiparci, qualcosa che non sa nessuno e che vuoi svelare solo a noi?

C’è si una cosa che non sa nessuno, ma non posso e non voglio dirla. Ci saranno sicuramente delle bellissime sorprese, ma saranno sorprese per il pubblico presente. Non svelo nulla. In generale posso dire che il posto è meraviglioso e che gli spettatori potranno venire anche per godersi il panorama.

L’ultima volta che ci siamo sentite avevi detto che, causa impegni lavorativi, non stavi riuscendo a finire il tuo secondo album a cui, invece, tenevi moltissimo. È cambiato qualcosa?

Sì. Ho fatto il passo più importante. Ho finito di scriverlo ed ora dovrò iniziare a registrarlo.

Altri progetti? Ci sarà la possibilità, più avanti, per poter vedere Leggermente Classica in tour, per vedere altre date in calendario e perché no, per poter vedere lo spettacolo anche in altre città oltre a Roma?

Quello sarebbe il nostro sogno. Quattro o cinque città d’Italia, tanto si potrebbero trovare l’ospite classico e l’ospite leggero in ogni città, però ancora non ci siamo organizzati. Gian Marco Ciampa è impegnatissimo, a settembre partirà per un tour in Australia da solo. Io anche sono molto impegnata. Così per ora ci concentriamo solamente sulla data del 14 luglio, poi non so quando verrà ripetuto, ma l’intenzione c’è.

Altri progetti tuoi?

Ho appena finito di girare una serie molto lunga, di sei mesi, per Canale 5, e poi la vita dell’attore è un po’ altalenante. Ora non so cosa succederà di me nei prossimi mesi ma sto facendo diversi provini e quindi spero di poter dare a tutti belle notizie molto presto.

Spiagge accessibili Liguria e Sardegna

Spiagge accessibili ai disabili: dalla Sardegna alla Liguria, per una vacanza senza barriere

corsa dei tori spagna

Spagna, San Buenaventura: muore a 28 anni durante la corsa dei tori