in ,

Marianne Mirage Le Canzoni Fanno Male, la cantante pronta per Roma: “Sanremo? La mia vittoria è la fiducia di Caterina Caselli” [INTERVISTA]

Marianne Mirage è una delle giovani artiste in rampa di lancio del mondo musicale italiano. Il grande pubblico l’ha scoperta recentemente grazie alla sua partecipazione – seppur breve ma intensa – al Sanremo 2017 nella categoria Nuove Proposte con Le Canzoni Fanno Male. Il singolo sta avendo grande successo a livello radiofonico e così Giovanna Gardelli, vero nome di Marianne Mirage, sta vivendo un periodo d’oro. E tra qualche settimana, precisamente sabato 25 marzo 2017, la cantante italiana della Sugar – etichetta musicale di Caterina Caselli – sarà all’Auditorium di Roma. Un evento per cui Marianne non sta nella pelle: “La mia aspettativa? Portare uno spettacolo stupendo sul palco. Voglio lasciare il segno come per qualsiasi concerto che si fa.” così annuncia Mirage ai microfoni di UrbanPost.

—> LE CANZONI FANNO MALE TESTO

 

Marianne Mirage, ci racconti Quelli come me?
“Quelli come me evidenzia il mio primo esordio nel mondo della musica. Con questo disco voglio mettere in evidenza quel che voglio dire attraverso le canzoni. Ho deciso di farlo in modo estremamente semplice. In questo dico gli arrangiamenti sono basilari, tutti suonati, senza utilizzo di macchine. Ho avuto degli autori che hanno deciso di usare solo strumenti veri. Nel mio primo lavoro abbiamo deciso di utilizzare solo la voce: ha reso più importante la parte vocale.”

E Le Canzoni fanno male?
“Le Canzoni fanno male si differenzia per una dose massiccia di musica. In questo lavoro sono presenti arrangiamenti ed elettronica. Il motivo? Sto cercando di portarmi più sul suono e non solo sui testi, prima volevo concentrarmi solo sulla mia voce.”

Cosa racconti con la tua musica?
“Le canzoni e i testi di Quelli come me rappresentano un mio punto di vista, sono autobiografiche in tutto quello che scrivo, il sentimento che mi ha reso partecipe da quando ero piccola. Emerge il mio sentirmi ‘meno accettata’, la più sfigata del gruppo. Ecco, forse sono nata un po’ diversa dagli altri perché non mi sono mai trovata negli schemi di tutti i giorni. E con la mia musica cerco quelli come me.”

—> TUTTO SUL MONDO DELLA MUSICA

Recentemente sei stata impegnata al Sanremo 2017, categoria Nuove Proposte, con Le canzoni fanno male. Quali emozioni hai provato?
Sanremo era importante nella misura in cui ero io. Sono consapevole di non aver portato sul palco una canzone sanremese perché volevo presentare il mio progetto. La mia canzone è stata penalizzata dal mondo sanremese, ma è piaciuta molto alle radio perché è una traccia molto semplice. Mi è piaciuto tantissimo cantare con l’orchestra, questo ha fatto veramente differenza quando si deve arrangiare un brano. Non dimenticherò mai i giorni della promozione, le ore prima dell’esibizione.”

Cosa ne pensi del Festival? Cosa ti ha deluso?
“Cosa mi ha deluso? Avrete visto la mia faccia e sì… la mia eliminazione. Non me lo aspettavo: quando canti bene e la canzone è bella… non vedo perché non debba passare. Ammetto di averlo messo in conto.”

Sai di essere stata l’unica rappresentate della Sugar al Sanremo 2017?
“Mi ha riempito d’orgoglio il commento di Caterina Caselli: “Tu sei una big, non proponiamo nessun’altro.” La Sugar fa prettamente  un discorso di qualità, se non hanno portato nessuno vuol dire che non era arrivata la canzone. Quando ho fatto ascoltare a Caterina Caselli Le Canzoni Fanno Male lei mi ha detto: ‘Funziona, proviamoci’.”

—> TUTTO SUI CONCERTI CON URBANPOST

Epperò una domanda ce la devi concedere: perché Marianne Mirage se il tuo nome è Giovanna Gardelli?
“Io sono amante di tantissimi artisti che nella loro carriera si sono fatti conoscere con il proprio nome d’arte. A me piace l’idea di essere un’altra persona anziché me stessa. Marianne, poi, per me rappresenta la libertà…”

Domanda banale ma sacrosanta: perché niente talent?
“Mai piaciute le strade facili.”

 

Marianne Mirage, come è cambiata in questi primi tre anni di carriera?
“Tanta esperienza, sono maturata. Il mio stile è cambiato nel corso degli anni. Arrivo dalla musica inglese e francese, mi sto avvicinando a quella italiana. E spero di crearmi un’identità totalmente europea.”

 

Uomini e Donne puntata speciale: ecco tutte le anticipazioni sulla registrazione di ieri

android

Anticipazioni aggiornamento Android 7 Nougat su Huawei P10, Huawei P10 Plus, Huawei P9 e P9 Plus Tre Italia, Wind e TIM: l’attesa è tutta per l’EMUI 5.1?