in ,

Mario Biondo, news indagini: interrogate 9 persone, emersi “elementi decisivi”

Sarebbero emersi “elementi decisivi” dagli interrogatori fatti due giorni fa in Spagna dai pm di Palermo, Gery Ferrara e Claudio Camilleri, che si stanno occupando della inchiesta sulla misteriosa morte di Mario Biondo, il giovane cameraman palermitano trovato impiccato a una libreria nella sua abitazione nel centro di Madrid, il 30 maggio 2013.

Su input della famiglia Biondo, gli inquirenti italiani hanno infatti ritenuto doveroso approfondire le indagini, non accettando l’archiviazione come ‘caso di suicidio’ fatta dalla polizia spagnola. Recatisi a Madrid, i magistrati di palermo il 18 gennaio scorso hanno interrogato 9 persone, tra cui la showgirl Raquel Sanchez Silva, vedova di Biondo, due giornaliste spagnole, Amalia Enriquez e Marian Otro, e la donna delle pulizie che trovò il corpo senza vita di Biondo e diede per prima l’allarme.

Mario Biondo aveva sposato la soubrette spagnola un anno prima di morire, e i suoi familiari sono convinti che la sera del decesso Mario ebbe un acceso litigio con lei. Non solo, emerge dalle carte in mano agli inquirenti italiani, che il giovane palermitano la notte in cui perse la vita prelevò dal bancomat una ingente somma di denaro (mai trovata nella sua casa), che chiamò per tre volte al telefono uno spacciatore e che utilizzò la chat di WhatsApp fino all’una. 

assalto in campus universitario pakistan

Pakistan, assalto armato in campus universitario: almeno 20 morti e 50 feriti

caso piscaglia news processo

Guerrina Piscaglia: nuove ricerche e il giallo delle lenzuola di padre Gratien