in ,

Mario Bozzoli news: nipote indagato per omicidio sotto processo insieme al padre anche per un’altra accusa

Caso Mario Bozzoli ultime notizie: uno dei due nipoti indagati e il fratello Adelio sono sotto processo nell’ambito di una inchiesta relativa al ritrovamento di un fucile nella sua casa. L’arma fu sequestrata nella casa di Soiano 3 giorni dopo la scomparsa dello zio avvenuta l’8 ottobre 2015. Giacomo Bozzoli interpellato in merito dagli inquirenti ha sempre detto “Non sapevo ci fosse un fucile in casa … non sapevo nemmeno l’avessimo in casa. Fu mia moglie, a dirmelo e indicare dove si trovasse”. Suo padre Adelio, fratello dell’imprenditore scomparso, si è assunto la paternità di quell’arma.

Giacomo Bozzoli, già indagato a piede libero insieme al fratello Alex e i due operai presenti come lui nella fonderia di Marcheno la sera in cui è misteriosamente scomparso lo zio 50enne, Oscar Maggi e Abu Agi, sono accusati di omicidio in concorso e distruzione di cadavere. Padre e figlio sono imputati per detenzione d’arma: un fucile e un centinaio di munizioni ritrovate l’11 ottobre del 2015 nell’abitazione sul lago di Garda in cui all’epoca dei fatti Giacomo Bozzoli abitava con la compagna e il figlio di due mesi. I carabinieri fecero la scoperta casualmente, mentre perquisivano l’abitazione nell’ambito delle indagini sulla scomparsa di Mario Bozzoli.

Leggi anche: Caso Bozzoli news: spunta un testimone e rivela dettagli clamorosi che potrebbero dare una svolta alle indagini

“Lo ricordo con estrema certezza perché erano le tre di notte: i carabinieri hanno suonato alla porta, ho detto loro di entrare e fare ciò che volevano perché non avevo nulla da nascondere”, ha raccontato l’imputato in aula, “quando i carabinieri hanno trovato le tre scatole di munizioni nei comodini della stanza e mi hanno chiesto se avessimo armi ho domandato alla mia compagna se ne sapesse qualcosa e mi ha spiegato che c’era quella che mio padre aveva lasciato lì sotto il letto”.

Adelio Bozzoli:

Giacomo Bozzoli:

Perché quel fucile, regolarmente intestato a suo padre Adelio Bozzoli, era nascosto a sua insaputa nella sua abitazione? Suo padre Adelio, anch’egli imputato, ha spiegato così i fatti davanti al giudice: “L’ho vinto a una lotteria e nel 2012 l’ho portato nella casa delle vacanze sul Garda perché magari potevo usarlo per cacciare. Ho deciso di metterlo in un nascondiglio sotto il letto perché per casa giocavano i miei nipotini e con mia moglie temevamo che potesse essere pericoloso. Mi sono dimenticato di portarlo a casa a Marcheno ed è rimasto lì”. La prossima udienza del processo è fissata per il 12 gennaio 2018.

Seguici sul nostro canale Telegram

Un reddito incondizionato di 2.200 euro a tutti: a Zurigo (Svizzera) è una realtà

Playoff Catania-Siena diretta streaming

Diretta Catania – Matera dove vedere in tv e streaming gratis Serie C