in ,

Marò italiani in India news: nuove accuse, avrebbero fatto pressioni su capitano petroliera

Nel giorno in cui a Massimiliano Latorre viene data la possibilità di tornare in Italia per curarsi dopo il malore dei giorni scorsi, arrivano nuove accuse sui Marò italiani in India. Una news di un giornale indiano parla di una fonte anonima del ministero dell’Interno locale. Questa fonte sostiene che il capitano della petroliera Enrica Lexie generò un rapporto falso da inviare alle organizzazioni internazionali di sicurezza marittima sotto la pressione di Latorre e Girone. Cosa sarebbe successo?

Prima facciamo un passo indietro. Quel 15 febbraio 2012 i nostri due Marò in India stavano sorvegliando la petroliera Enrica Lexie, sita al largo di Kerala. Un peschereccio si sarebbe avvicinato e poi, in una dinamica tutta da spiegare, i due fucilieri avrebbero ucciso due pescatori. Secondo questa fonte anonima, dubito dopo i fatti, Latorre e Girone avrebbero costretto Umberto Vitelli, capitano della Enrica Lexie, a scrivere un rapporto nel quale i pescatori sulla loro barca erano tutti armati. Dunque i due Marò avrebbero sparato e ucciso per legittima difesa. Ma non sarebbe così, perchè secondo gli investigatori indiani, nemmeno uno dei sei pescatori era armato. Il rapporto sarebbe poi stato inviato a organizzazioni di sicurezza marittima, una delle quali legata all’Onu. Fonte, dichiarazioni, tempistiche e eventuali pressioni sono ovviamente tutte da dimostrare.

Bologna ragazzo salta clochard

Flatme.it, cercare una camera per i fuorisede è facile: da Bologna la soluzione

marò italiani in india

Caso Marò ultime notizie: Massimiliano Latorre torna in Italia?