in

Massimo Bossetti sì a indagini difensive sui reperti, Salvagni tuona «La verità emergerà come un fiume in piena »

Caso Yara: Massimo Bossetti ha ottenuto, su richiesta dei suoi avvocati, l’autorizzazione a procedere con indagini difensive sui reperti di indagine ancor oggi esistenti. A dare l’annuncio via Facebook è stato lo stesso Claudio Salvagni, avvocato del muratore di Mapello, con questo post apparso su Facebook: “Con questo provvedimento la Corte di Assise di Bergamo quale giudice dell’esecuzione ha autorizzato la difesa ad indagini difensive su tutti i reperti. Finalmente l’inversione di rotta che da sempre aspettiamo per dare a Massimo una concreta speranza di dimostrare la propria innocenza. È il primo passo di un lungo percorso che premia la nostra convinzione. La mia era una promessa, ti porterò fuori di li!”. Il penalista ha altresì allegato al post il documento ufficiale che attesta la succitata autorizzazione, eccolo:

Agguerrito più che mai, l’avvocato difensore di Bossetti nei giorni scorsi aveva annunciato la sua intenzione di voler insistere sulla richiesta di revisione del processo dopo la clamorosa indiscrezione del settimanale Oggi che ha intervistato Giorgio Casari, docente di genetica e consulente dell’Accusa nel processo Bossetti, il quale ha rivelato che «Il Dna di Ignoto 1 è sempre stato al San Raffaele. L’abbiamo conservato. E c’è ancora. Anche se proprio in questi giorni stiamo restituendo il materiale genetico alla Procura di Bergamo che lo ha richiesto».

caso yara cadavere foto satellitare

Quindi nuovi accertamenti genetici sui reperti d’indagine – fino ad oggi sempre negati ali difensori di Bossetti – sono stati concessi alla difesa dalla Corte di assise di Bergamo. Presto dunque saranno oggetto di accertamenti  i vestiti che indossava la ginnasta 13enne di Brembate (Bergamo) scomparsa il 26 novembre 2010 – tra cui slip, leggins, scarpe, giubbotto – e i campioni sulla traccia genetica che ha portato alla incriminazione di Massimo Bossetti il quale, com’è noto, si professa da sempre innocente e vittima di un clamoroso errore giudiziario. L’avvocato Salvagni su Facebook già avverte: “La verità emergerà prepotentemente come un fiume in piena !!”.

Potrebbe interessarti anche: Caso Yara Massimo Bossetti: il Dna per la super perizia «C’è ancora», la clamorosa rivelazione che ha fatto infuriare i suoi avvocati

Nilufar Addati Instagram, collant trasparenti e nient’altro: «Meraviglia pura!»

Sabrina Salerno Instagram, selfie dall’alto: «Che gran bel décolleté!»