in ,

Maternità e congedo parentale Inps: le novità del decreto

Le novità per il 2015 sul congedo di maternità e sul congedo parentale sono entrate in vigore con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. Tra i cambiamenti di cui i genitori lavoratori potranno beneficiare troviamo il prolungamento temporale del congedo retribuito al 30% dello stipendio, che passa dai 3 ai 6 anni di vita del bambino.

Entrambi i genitori potranno decidere di fruire di quello senza retribuzione, per un periodo maggiore che è stato esteso sino ai 12 anni del bambino, anche nei casi di affidamento o adozione. Altri cambiamenti sono la possibilità di richiedere al proprio datore di lavoro la riduzione dell’orario lavorativo al 50% al posto di fruire del congedo parentale. L’orario tornerà full time una volta terminato questo periodo.

Inoltre, i giorni di preavviso si riducono da quindici a cinque nei casi di congedo su base giornaliera, mentre per quello su base oraria scendono a due giorni. Per quanto riguarda il congedo di maternità, per il parto anticipato si potrà godere dei giorni di astensione non fruiti prima del parto, infatti, questi possono essere richiesti dopo la nascita. Il congedo, inoltre, può essere sospeso se il bambino è ricoverato in ospedale. Un’altra novità è l’estensione dell’indennità anche alle lavoratrici autonome.

Photo credit: Olyesya Turchuk/shutterstock

casa con vista, case con vista mare, case con vista panoramica, case con vista da sogno, case da sogno

Case con vista panoramica da sogno, ecco le 15 ville più belle al mondo (Foto)

Strage Sousse ultime news

Attentato Isis in Tunisia, ultime news: il killer non era solo