in

Matilde Brandi Instagram, schiena nuda e fondoschiena da brividi: «Telaio da Formula 1»

Splendida cinquantenne, Matilde Brandi ammalia Instagram con il fisico da urlo forgiato da anni di danza classica e allenamento. Ballerina, showgirl, conduttrice, la Brandi è in continuo movimento. Mamma di due gemelle, la bionda romana è sempre inarrestabile e grazie agli scatti social condivide parte della sua quotidianità con i followers. Portamento regale, perfezione fisica, bellezza nei lineamenti, la Brandi è davvero amatissima e i complimenti sotto i post lo testimoniano.

Matilde Brandi Instagram, l’interesse oltre l’outfit

Che sia in costume o vestita, la grazia di Matilde e le forme impeccabili vengono fuori ad ogni posa. Ne è un esempio una delle ultime immagini pubblicate su Instagram dalla ballerina. Di spalle, fasciata da un lungo abito azzurro, la showgirl è ritratta di spalle e la schiena nuda la fa da padrona. La profonda scollatura che si spinge fin sopra il fondoschiena attira gli sguardi dei fan, accendendo la fantasia. “Prove di outfit”, scrive lei a corredo della foto, ma è ciò che l’outfit lascia scoperto ad attirare tutta l’attenzione.

“Ahh, se ero etero…”, la showgirl conquista proprio tutti

“Non smetterò mai di dirti che sei l’angelo biondo che vorrei al mio fianco – scrive un follower – sei bellissima”. Commenti a iosa sotto lo scatto della Brandi. “Wow! 110 e lode! Complimenti!”, “Che bella schiena sexy”, “Maty, schiena da urlo”. E poi: “Una scollatura da brividi… per noi”, “Deliziosa”, “Che donna, raga”. La bellezza di Matilde scuote anche chi di solito si concentra su un altro genere: “Gnocca, gnocca, gnocca, ahh se ero etero…. Ti mozzicavo tutta”. Infine, l’immancabile ironia social: “Se ti sposti vediamo il quadro… Sempre in mezzo”, o anche, “Hai un telaio da Formula 1”. 

Leggi anche —> Ilaria D’Amico su Instagram in bikini, corpo superbo e posizione sexy: «Ecco perché Gigi…»

Matteo Salvini dj al “Papeete beach”, cubiste e Inno di Mameli: l’episodio della moto d’acqua non basta

Serena Autieri malattia: «Digerivo male, la pelle era opaca e non dormivo!»