in

Matteo Renzi: «Nessuno di noi chiede una poltrona! Il governo populista ha fallito!»

Una giornata decisiva per la politica italiana. Alle 14:30 ci sarà la conferenza dei capigruppo, a seguire, alle 15, il discorso del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Senato. Dopo l’intervento del premier inizierà il dibattito e si potrebbe arrivare al voto sulle risoluzioni. A tal proposito ha detto la sua Matteo Renzi, tornato alla ribalta dopo la mossa avventata di Salvini.

Matteo Renzi: «Nessuno di noi chiede una poltrona! Il governo populista ha fallito!»

L’ex premier, parlando con Radio24, ha dichiarato: «Mi sembra saggio che nessuno di noi stia dentro il governo, io non ci sarò. Nessuno di noi chiede la benché minima poltrona, anche quella di commissario. Questo dibattito è politichese: il governo populista ha fallito. Per 14 mesi ci hanno detto che loro erano la speranza e avrebbero rivoluzionato l’Italia, dicevano che avrebbero governato per 30 anni con questa opposizione, invece non sono arrivati neanche a 30 mesi!». L’ex sindaco di Firenze è andato poi giù pesante sul leader della Lega: «Penso che se si ha a cuore l’Italia non si apre una crisi al buio. Salvini a forza di stare sulle spiagge è tornato e ha detto che vuole pieni poteri. E stiamo parlando di un ministro dell’Interno. Il punto è che lui ha perso, e anche io ci sono passato, e ora è aggrappato alla poltrona e sta mettendo a rischio i risparmi degli italiani con il possibile aumento dell’Iva al 25% se si va al voto a ottobre!».

«L’Italia non tocca più palla in Europa, e dico purtroppo…»

Matteo Renzi non esclude uno scontro aperto con Matteo Salvini, non ha paura: «Si sistemi l’Iva poi vinca il migliore. Faccio un appello a Salvini. Scegli tu il collegio, a me va bene Firenze o Milano, Senato o Camera. Io non ho paura di scontrarmi con lui. Se il Pd va al 25% alle elezioni è un grande successo, invece se l’Iva va al 25% per colpa delle clausole che scattano per colpa di Salvini, allora questi sono problemi per tutti!». L’ex segretario del Partito Democratico ha poi focalizzato l’attenzione sui rapporti del paese col resto dell’UE: «L’Italia non tocca più palla in Europa, e dico purtroppo e aggiungo che è un pessimo campanello d’allarme anche la crisi della Germania. Ma sia Conte che Salvini sono incapaci di gestire alcun dossier a livello europeo!».

leggi anche l’articolo —> Crisi di governo, è il giorno di Conte al Senato: cosa ci aspetta, i possibili scenari

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

fong fei-fei doodle

Fong Fei-Fei, chi è la regina dei cappelli celebrata da Google

Santa Caterina, frana Ruinon sulla provinciale: paese semi-isolato, com’è la situazione