in ,

Matteo Renzi: economia e giustizia tutte le misure del Governo #passodopopasso

Matteo Renzi attraverso un tweet mattiniero, ha annunciato che è già proiettato sul vertice dei socialisti e democratici europei che si svolgerà a Parigi in vista del Consiglio europeo, nel quale l’Italia confermerà il rispetto del 3% nel rapporto deficit/pil, ma comincerà la battaglia: “non per chiedere la flessibilità che già c’è ma per usarla meglio”. Intanto ieri, dopo il Consiglio dei ministri, Matteo Renzi ha cambiato slogan in vista dei “Mille giorni di Governo”, non più #svoltabuona, ma #passodopopasso. Ciò che non muta è la sua determinazione a voler cambiare l’Italia. Per lo Sblocca-Italia il governo ha trovato 10 miliardi nel prossimo anno per dare il via a opere, come la Napoli-Bari e la Tap. Mentre nella giustizia civile è “Rivoluzione” con tempi più veloci per i processi civili, così pure per la giustizia penale, falso in bilancio e responsabilità civile. Si procederà con un percorso attraverso vari disegni di legge. Il premier specifica che: “Nei prossimi 12 mesi 10 miliardi saranno destinati a sbloccare le opere pubbliche che verranno anticipate al 2015”. Col supporto delle consuete slide, Renzi ha spiegato che saranno sbloccati 4,6 miliardi per cinque investimenti aeroportuali e 3,8 miliardi per opere cantierabili subito. Ha anche annunciato che presto sarà presentato un disegno di legge delega sugli appalti, in modo avere in Italia le stesse regole che in Europa.

Andrea Orlando presenta la riforma della giustizia

Il decreto sulla riforma della giustizia civile viene presentato come una rivoluzione: “ Alla fine dei mille giorni avremo tempi certi, meno di un anno per il processo civile e il dimezzamento dell’arretrato”. Mentre sul tema della responsabilità dei magistrati il premier ha detto: ”chi sbaglia paga”, suscitando l’immediata reazione dell’Associazione nazionale magistrati, secondo la quale la riforma della giustizia sembra dare l’impressione di essere punitiva nei confronti dei giudici. Il segretario dell’Anm ha tra l’altro dichiarato: “si dà il via libera ad azioni strumentali contro i giudici” e si fa passare il messaggio che questi commetterebbero errori. Il ministro della giustizia Orlando ha poi puntualizzato che il nuovo sistema della prescrizione entrerà in vigore dopo la sentenza di primo grado. Dopo l’entrata in vigore della legge, tutte le sentenze di primo grado saranno definite dal nuovo regime. Per il reato di falso in bilancio, la pena prevista va dai tre agli otto anni di reclusione. Il prossimo passo al riguardo sarà stabilire la rilevanza del fatto per le società non quotate.

Sul fronte dell’economia, nei giorni in cui L’Istat ha registrato la deflazione dell’Italia, il primo ministro ha confermato gli 80 euro in busta paga per 11 milioni di italiani, nel tentativo di stimolare la ripresa dei consumi. Sull’occupazione il premier si è detto molto preoccupato e ha dichiarato: “Non credo che i posti di lavoro si creino per decreto”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

guerra in iraq

Iraq, donne Yazidi e cristiane rapite, rinchiuse un gabbie e vendute come bestie

scrivere concorso lingua inglese

Concorso letterario: il contest Ninja Essays per aspiranti scrittori in lingua inglese