in ,

Matteo Renzi: elezioni anticipate se non si vota la riforma del Senato entro l’estate

Alle ultime elezioni ha sfiorato il 41% e i sondaggi sono dalla sua parte. Il presidente del consiglio Matteo Renzi prospetta le elezioni anticipate. Non gradisce affatto l’ostruzionismo che arriva da “dentro il Palazzo”, come dice lui stesso. La “palude” sta rischiando seriamente di far slittare la riforma costituzionale del Senato a settembre.

riforma senato

Si sarebbe dovuto iniziare a votarla lunedì e concluderla prima dell’estate, ma sono stati proposti quasi 8000 mila emendamenti. E il Movimento 5 Stelle e Sinistra Ecologia e Libertà hanno parlato senza mezzi termini di sedute parlamentari ad oltranza. Anche per questa ragione il premier Renzi e Maria Elena Boschi hanno alzato la voce. In particolare il ministro per le riforme ha tenuto a specificare che “la riforma (del Senato, ndr) è già frutto di mediazione. Non trattiamo su nulla di sostanziale”.

Le opposizioni battono soprattutto il chiodo del Senato Elettivo. Ma la Boschi è stata molto diretta: basta trattative. Nel frattempo il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si schiera dalla parte delle riforme, mentre Matteo Renzi provoca gli avversari dicendo che “ogni giorno di ostruzionismo è ulteriore consenso nel Paese per il governo”.

michelle hunzicher e rocco papaleo

Zelig anticipazioni: Michelle Hunziker e Rocco Papaleo primi conduttori

coca cola summer festival anticipazioni

Emma Marrone, Stefano De Martino e Belen Rodriguez: il Salento si fa bollente