in ,

Matteo Renzi, Jobs Act verso il voto finale: la fronda Pd avverte: “Voteremo contro il ddl”

Il Jobs Act del governo Renzi si avvia verso il voto finale alla Camera, previsto per il 9 dicembre prossimo. Benché l’approvazione del provvedimento proceda spedita, non mancano tuttavia ostacoli e problemi. La fronda interna al Partito Democratico ha infatti già fatto sentire il suo dissenso, con 17 democratici che ieri hanno votato contro la maggioranza renziana e in favore di un emendamento di Sinistra Ecologia Libertà in difesa dell’art. 18. Bagarre in Aula, con l’espulsione di due deputati del M5S, Dell’Orco e Della Valle.

I voti del dissenso interni al Pd comunque non incideranno sul cammino della proposta di modifica, giacché a Montecitorio la maggioranza di governo viaggia su acque tranquille confortate dai numeri a favore. Il nuovo banco di prova della fronda Pd potrebbe già arrivare in serata, con il via libera alla legge delega sul lavoro. Pippo Civati ha infatti minacciato ulteriori tensioni e annuncia l’opposizione della minoranza Pd alla linea governativa: “Siamo in 31 contro il ddl”.

testi canzoni natale 2014

Mercatini di Natale 2014: a Roma l’appuntamento è con la solidarietà

sci ponte immacolata low cost

Ponte dell’Immacolata 2014: ecco dove sciare low cost