in ,

Matteo Renzi, legge elettorale: “No a ricatti, domani si chiude”

Impazzano le polemiche in casa Pd in merito all’imminente dibattito in Senato sull’Italicum. Ma il premier Matteo Renzi non arretra di un passo e, dopo aver ribadito che la minoranza del suo partito non costituisce un ‘partito nel partito’, taglia corto e annuncia: “Non ci sono spazi per soluzioni alternative rispetto alla legge che vi ho proposto, ma possiamo prenderci ancora qualche ora alla ricerca di soluzioni tecniche su temi su cui c’è divisione come quello delle liste bloccate”.  Renzi, durante l’assemblea dei senatori Pd ha inoltre aggiunto: “Vi dò disponibilità a discutere fino all’ultimo, rimandiamo l’inizio del voto a domani pomeriggio. Ma domani alle 12 si chiude”.

Rivolgendosi alla fronda interna al suo partito, ha poi ribadito: “Sia chiaro: io cerco accordi con tutti fino all’ultimo, ma non sono sotto ricatto di nessuno”. Il Presidente del Consiglio ha anche affrontato la questione relativa alla elezione del nuovo capo dello Stato: “In questa settimana e nella prossima si incontreranno tutti gli altri partiti. Farò una proposta di candidatura all’assemblea dei grandi elettori, mercoledì o giovedì, prima dell’inizio delle votazioni”.

week end last minute Parigi offerte low cost volo hotel

Week end last minute a Parigi: offerte low cost volo + hotel

ricette prova del cuoco

Ricette La prova del cuoco: paccheri ripieni fritti di Andrea Mainardi