in

Matteo Renzi a PiazzaPulita: «Chi ha paura di ‘Bella ciao’ non sta bene! Altra cosa è ‘Bandiera rossa’»

Ospite di PiazzaPulita, il programma di Corrado Formigli su La7, è stato il leader di Italia Viva Matteo Renzi. Nel corso dell’intervista l’ex premier ha parlato della possibilità di un ritorno alle urne, delle tensioni che agitano l’attuale esecutivo, della sconfitta al referendum del 2016 e non ha disdegnato qualche frecciatina ai suoi avversari.

Matteo Renzi PiazzaPulita

Matteo Renzi: «Chi ha paura di ‘Bella ciao’ non sta bene! Altra cosa è ‘Bandiera rossa’»

Commentando le immagini dei commissari Ue che cantano Bella Ciao, video che ha infastidito la leader di Fratelli di Italia nei giorni scorsi, l’ex premier ha detto: «Ho visto le polemiche su Bella Ciao, facciamo un tutorial per la Meloni: Bella Ciao è la canzone di tutti quelli che hanno combattuto il fascismo, è la canzone che sento mia. Altra cosa è Bandiera Rossa, che è la canzone dei comunisti. Chi ha paura di Bella Ciao non sta bene…». Ogni qual volta Renzi è ospite in un talk show è immancabile il riferimento alla vittoria del ‘No’ al referendum del 2016: «Ha cambiato la possibilità di avere un governo deciso dagli italiani. Se fosse passato quel referendum oggi non avremmo il governo ‘Frankenstein’, avremmo un partito vincente alle elezioni che governa per 5 anni!», ha dichiarato il leader di Italia Viva, che non esclude una possibilità, quella di tornare alla guida del paese: «Non sono interessato a tornare a fare il premier, se avverrà… avverrà…». A smorzare l’entusiasmo del 44enne fiorentino, però, sono stati in un certo senso i sondaggi. Corrado Formigli gli ha mostrato quello proposto dalla trasmissione ogni settimana, la rilevazione Index Research, che dà Italia Viva in calo dello 0,2%, oggi data al 4,9 per cento. Seppur in leggero calo, la Lega risulta ancora gettonata, ferma al al 32,7%.

Matteo Renzi Piazzapulita

«Con le cause civili contro Marco Travaglio conto di pagare tre o quattro rate del mutuo!»

Renzi ha poi commentato i malumori che hanno caratterizzato sin dal primo giorno il Conte bis: «Se si continua così, ci sta che si vada a votare davvero!», poi la frecciatina al leader del M5s: «Di Maio non è il mio tipo… per me non era un matrimonio d’amore ma una convivenza di interesse per salvare il Paese da Salvini… Secondo me Di Maio non vuole far cascare il governo… Se si va a votare con 600 parlamentari, ne prende 70..». Da qui la proposta dell’ex premier: «Vorrei lanciare un appello, basta polemizzare su tutto sempre e comunque!». Non è mancato poi un riferimento a Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidianopiù volte querelato da Matteo Renzi: «Con le cause civili contro Travaglio conto di pagare tre o quattro rate del mutuo!», poi con la solita mordace ironia: «La chiamerò villa Travaglio. Anzi no, porta un po’ sfiga!». Toccata piano insomma, pianissimo.

leggi anche l’articolo —> Matteo Renzi: età, peso, altezza carriera e vita privata dell’ex Presidente del Consiglio

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

matteo salvini nutella

Matteo Salvini contro la Nutella: «Non la mangio più, usa nocciole turche»

antonella fiordelisi

Antonella Fiordelisi TikTok, balletto sensuale che toglie il fiato: «Sei ipnotica!»