in

Matteo Salvini, parla la sua professoressa di filosofia: «Non è vero che lo maltrattavo!»

All’indomani del duello con Renzi a Porta a Porta, trasmesso lo scorso martedì, in un’intervista a “Lavori in corso” su Radio Radio, Matteo Salvini a proposito del premier Conte aveva detto: «Mi spiace di aver conosciuto una persona diversa da quella con cui ho lavorato per più di un anno, facendo il suo vice, sostenendolo, difendendolo dagli attacchi. E invece lui mi ha riservato una sequela di insulti che neanche la mia prof. di filosofia al liceo mi aveva destinato!».

«Non è vero che lo maltrattavo!», Matteo Salvini smentito dall’insegnante di filosofia

A distanza di qualche giorno quell’insegnante di filosofia, invocata dal leader della Lega, è stata contattata da Il Fatto Quotidiano. Si chiama Maria Adele Bertoli. «Devo dire che da studente era più disciplinato, curioso pronto a dialogare e a contrastare, con la ricerca delle fonti, l’altrui opinione. Non ha mai avuto giudizi severi da me. Maltrattato? Non direi proprio», ha dichiarato l’insegnante di storia e filosofia al quotidiano diretto da Marco Travaglio. Insomma dalla sua professoressa Salvini non avrebbe ricevuto alcun insulto: ci sarebbero stati soltanto dei piccoli conflitti dovuti al fatto che docente e allievo avevano opinioni diverse su alcuni punti. Come riporta anche il sito “Giornalettismo”, Maria Adele Bertoli ha fatto leggere all’attuale leader della Lega, scritti di Antonio Gramsci sulla questione meridionale. Un allievo come tanti che si è diplomato con il punteggio di 48 (quando all’epoca il massimo era 60). Un voto che sarebbe stato accolto anche con un certo rammarico secondo la professoressa.

«Bevvi un caffè e comprai la Gazzetta dello Sport!», l’esame di maturità del leader della Lega

Prima dell’inizio dell’Esame di Maturità del 2018 Salvini stesso aveva ricordato la sua performance: «Se potessi tornerei agli anni del Manzoni a Milano, con i miei italiano e latino allo scritto, greco e storia all’orale, e un 48 finale». Per fare l’in bocca al lupo ai maturandi il leader della Lega aveva pubblicato un video in cui aveva spiegato di aver scelto greco e storia all’orale perché di fisica non ne capiva assolutamente nulla. «La mattina dell’esame mi alzai tranquillo, bevvi un caffé e comprai la Gazzetta dello Sport: arrivai a scuola pimpante con la Gazzetta dello Sport e decisi che me la dovevo godere!», ha dichiarato Matteo Salvini, che avrebbe preso la prima vera ramanzina non dalla sua insegnante di filosofia, ma dal “professore prestato alla politica” Giuseppe Conte.

leggi anche l’articolo —> Matteo Salvini da bambino: dall’album dei ricordi del leader della Lega

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

massimo pericolo

Massimo Pericolo: età, vita privata e carriera, tutto sul rapper

Chef Rubio- Salvini, attacco al vetriolo: «Pinocchio, ho la posta invasa dai tuoi sostenitori deficienti»