in ,

Matteo Salvini sospeso da Facebook: ha usato la parola “zingari”

Non si placa la polemica innescata ieri da Matteo Salvini circa la “questione” campi Rom in Italia, anzi, il leader del Carroccio quest’oggi ha rincarato la dose di dichiarazioni ‘esplosive’. “Facebook mi ha sospeso per 24 ore perché ho usato la parola zingari che usava mia nonna”, lo ha detto proprio Matteo Salvini a Radio Padania, giudicando “ipocrita” l’Italia, in merito alle reazioni di condanna e monito alla sua frase “Raderei al suolo tutti i campi Rom”, fatta ieri durante uno dei suoi numerosi interventi televisivi.

La chiusura momentanea della sua pagina Facebook – “Due ZINGARE minorenni: “Rubare è una cosa bella, lo faremo per tutta la vita, non ci fanno niente, freghiamo 1.000 euro al giorno”. SGOMBERARE tutti i CAMPI ROM, con la Lega si può!” questo il post dello scandalo – evidentemente non ha funto da deterrente.

Sempre a Radio Padania, Salvini ha infatti ribadito i concetti espressi ieri: “Se andiamo al governo, mando il preavviso di sfratto e poi rado al suolo tutto”. “Sentire certe parole in bocca a un vescovo mi fa tristezza. Se avessi peccato, compito di un vescovo sarebbe di riportarmi sulla retta via, non di insultarmi”, ha poi aggiunto il segretario della Lega Nord in merito al monito del Vaticano sulle sue esternazioni.

Verratti Milan

Calciomercato Fiorentina: per il dopo Pizarro Verratti è il sogno, Fernando l’occasione

Spari in Tribunale a Milano

Milano, spari nel Palazzo di Giustizia: 4 morti e diversi feriti