in

Maurizio Aiello malattia, l’attore di Un posto al sole: “Discriminato”

Maurizio Aiello è celebre per aver preso parte alla fiction ‘Un posto al sole’. La sua prima grande occasione arriva nel 1991 in teatro, dove recita nei Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello, nel ruolo di primo attore giovane, diretto da Franco Zeffirelli e con Enrico Maria Salerno. In televisione interpreta il ruolo di Antonio Ragusa ne La piovra 7 – Indagine sulla morte del commissario Cattani (1995), regia di Luigi Perelli. In seguito entra nel cast de Il maresciallo Rocca, dove interpreta il ruolo di Marco Sallustri, genero del maresciallo Rocca, interpretato da Gigi Proietti, per cui riceve l’Oscar dei Giovani, consegnato in Campidoglio. Dal 1996 al 2002 interpreta il ruolo di Alberto Palladini nella soap opera Un posto al sole, vincendo il premio Telegrolla d’oro (2001), come migliore attore di soap opera. Il suo passato, però, è stato segnato dalla malattia.

Leggi anche: “Riesce in poco tempo a far decomporre i genitali”. Si tratta di una tremenda malattia, da non sottovalutare. Ti rovina la vita inizia in silenzio e questi sono i sintomi da non sottovalutare

Maurizio Aiello malattia: il tumore

“Il mio errore è che ne ho parlato tanto e ho sbagliato… Il mio scopo era unicamente di far capire alle persone quanto fosse importante sensibilizzare a fare la prevenzione. Però spesso nel nostro ambiente, paradossalmente, invece di essere solidali nei tuoi confronti, vieni discriminato. Quindi magari qualcuno prima di prenderti e farti firmare un contratto…”. E’ quanto ha rivelato l’attore Maurizio Aiello, ospite su Rai1 de Il Sabato Italiano, parlando del problema di salute di qualche tempo fa.

Maurizio Aiello tumore: “Sono passato per quello che non sono”

Intervistato da Eleonora Daniele, Aiello ha tenuto a precisare: “Purtroppo queste sono le notizie che funzionano, piace molto alla stampa… titoli sui giornali ‘Aiello dopo il tumore, dopo la chemioterapia, dopo la radioterapia…’. Io non ho mai fatto niente, ho soltanto levato un nodulo benigno, avrei anche potuto tenerlo, solo che era vicino alle corde vocali e l’ho levato. Però era un nodulo semplice, ne ho parlato e hanno fatto i titoli grossi, sono passato per quello malato di tumore, che in realtà non è…”.

 

Written by Andrea Paolo

46 anni, nato in provincia di Reggio Calabria, emigrato negli anni '80 al nord, è laureato in scienze politiche. Ha lavorato come ricercatore all'estero e studia da anni la criminalità organizzata. Per UrbanPost si occupa di news di cronaca e di gossip sui personaggi del mondo dello spettacolo.

decreto dignità

Lavoro consigli utili: come superare il colloquio telefonico? Le mosse da non sbagliare

Livorno, bimbo di 18 mesi cade giù dal quarto piano: un volo di 14 metri