in

Megaupload nuovo sito streaming e download file: a breve lancio con i file originali

Megaupload tornerà a esistere. Il sito dedicato alla condivisione dei file e ai film in streaming più famoso al mondo venne chiuso quattro anni fa a opera e per volere della polizia a causa di una violazione dei diritti d’autore. Il suo creatore, Kim Dotcom, ha recentemente annunciato la riapertura del sito, che sarà prevista per il mese di gennaio del 2017; cinque dopo la chiusura del primo sito.

->SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE: URBAN TECH

Megaupload, uno dei sito più conosciuti al mondo e dedicato alla condivisione di file e, per molti, alla visione di film e serie Tv in streaming via web, tornerà a esistere entro gennaio 2017, esattamente cinque anni dopo la chiusura del suo gemello a causa della violazione dei diritti d’autore. Ad annunciarlo è stato il suo stetto ideatore, Kim Dotcom, attraverso il proprio profilo Twitter. Tramite un tweet, Kim Dotcom ha svelato tutti i dettagli relativi al nuovo Megaupload che verrà lanciato offrendo anche i file della vecchia piattaforma per film in streaming e download file.

La particolarità del nuovo lancio, rimane comunque la possibilità, a detta di Kim Dotcom, di poter usufruire nuovamente di tutti i file caricati in origine sul vecchio portale. Chi era iscritto, quindi, potrà tornarne in possesso, anche se sono in molti a chiedersi come questo sarà possibile, dato che con la cancellazione del sito, in linea teoria tutti i file caricati sono andati perduti. Kim Dotcom ha tenuto a precisare che ogni utente potrà vantare 100 GB di spazio online a titolo gratuito. Inoltre, non vi saranno limitazioni per il trasferimento dei file e la loro sicurezza verrà garantita dalla crittografia end-to fly. Verrà resa possibile anche la sincronizzazione dati da tutti i dispositivi. Non resta che attendere gennaio 2017 per averne la conferma definitiva.

app whatsapp

WhatsApp web pc, app Android, iOS e Windows Phone: 10 trucchi che non conoscete

bimba rumena uccisa news indagini

Omicidio Maria Ungureanu, pista ragazzi rumeni: e se Daniel Ciocan fosse estraneo alle accuse?