in

Meghan Markle, Royal Baby nascita: per lui non suoneranno le campane di Westminster Abbey

Quello di Meghan Markle è un parto che sta attirando su di sé l’attenzione di tanti e non solo per la lunga attesa, difatti il lieto evento era previsto l’ultima settimana di aprile, ma anche per le stranezze che hanno accompagnato la gravidanza. Siete curiosi di leggere l’ultima?

Meghan Markle, niente campane di Westminster a festa per il Royal Baby

 

Secondo quanto riportato da Vanity Fair per Baby Sussex le campane di Westminster Abbey, che sono solite suonare per celebrare la nascita dei membri della Royal Family potrebbero non suonare per il primogenito di Harry e Meghan. Come ricorderete, lo scorso anno alla nascita Louis, terzogenito di Kate Middleton e William, parimenti per dare il benvenuto a Charlotte e ancor prima a George, futuro re, il dolce suono festoso aveva rallegrato gli inglesi avvisandoli della venuta al mondo dei piccoli. Un fatto questo che potrebbe non accadere per il piccolo (o piccola) dell’ex attrice americana e del secondogenito di Lady D. La ragione? È da ricercarsi ancora una volta nel rigido protocollo di Corte e nella tradizione. Come spiega il noto giornale le campane di Westminster, infatti, sarebbero prerogativa di alcuni membri reali e non di altri. Proprio perché i Royal Baby non sono tutti uguali. Sembra brutto, ma è proprio così e il calendario sul sito dell’abbazia pare confermarlo: nel 2018 le campane hanno suonato per festeggiare il compleanno di William (il 21 giugno), quello di George (il 22), ma non quello del principe Harry (15 settembre). 

I Reali non sono tutti uguali?

Su cosa regge il protocollo? Le regole della Royal Family Inglese sono determinate dall’ordine di successione al trono. Quest’ultima è fondamentale nella vita dei Windsor e determina ad esempio la disposizione sul balcone e persino come sedersi a tavola. Sempre secondo quanto scritto da “Vanity Fair” Baby Sussex non godrà nemmeno di una linea ufficiale di souvenir, a differenza di quanto accaduto per i tre figli di William e Kate. La Royal Collection Trust ha confermato che non ci sarà alcuna commercializzazione pensata per il lieto evento, tuttavia il merchandise a tema, seppur non rilasciato direttamente dalla corona e ancora prima della nascita, sta spopolando.

leggi anche l’articolo —> Meghan Markle ha partorito il Royal Baby? La verità svelata da un giornalista inglese

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Concorso Vere Imprese di GoDaddy: come vincere un piano di comunicazione professionale

Ballando con le Stelle, lo strano “incidente” con il televoto che ha fatto arrabbiare gli spettatori