in

Mel Gibson: il declino del divo, dalle intemperanze alle accuse

Mel Gibson appare in alcune foto di repertorio invecchiato, sofferente, spento, sciatto e con una barba insolita per lui. È entrato in un rehab e sembra che l’unico suo amico sia un telefonino che tiene tra le mani per giocherellare o chiamare qualcuno. Stare in una struttura del genere per lui che è stato uno dei divi più acclamati degli ultimi anni, non deve essere molto piacevole anche se questo centro si trova a Beverly Hills, sotto lo splendido sole californiano. Mel Gibson2


E pensare che tutto ha avuto inizio lontano dal clamore della Mecca del cinema.  Il padre ha pensato bene di portarlo in Australia (patria della mamma) con tutta la famiglia per tenere, soprattutto i figli maschi, lontani dalla Guerra del Vietnam e dalla corruzione morale dell’America del ’68.

Problemi di alcool ed intemperanze ne ha avuti moltissimi in passato anche con le accuse di essere omofobo, maschilista e razzista. Sicuramente una vita intensa quella di Mel Gibson, attore e regista tra i più quotati che hanno fatto incassare miliardi di dollari in una carriera di più di trent’anni ai primi posti di Hollywood.  Una vita, quella di Mel, fatta di grandi successi e di rovinose cadute dovute alle sue esagerazioni.

 

Pillcam

Pillcam, la videocapsula che fotografa il colon e identifica i tumori

Mattia De Sciglio del Milan

Mercato, Milan: l’uscita dalla Champions porterà al sacrificio di un big?