in ,

Melagrana: benefici, calorie e controindicazioni del frutto del melograno

L’autunno porta con sé una grande varietà di alimenti, sia nella frutta che nella verdura, ricchi di sostanze benefiche per l’organismo. Non solo le castagne e la zucca possono migliorare l’alimentazione umana in questo periodo dell’anno, ma anche la melagrana, frutto dell’albero di melograno, tipico della zona sud occidentale dell’Asia e del Caucaso. Si tratta comunque di una pianta che cresce facilmente in qualunque zona con clima mite e che cambia notevolmente in base alle diverse varianti.

La melagrana è una bacca tipicamente rossastra contenuta in una buccia dura; il frutto infatti si compone di tanti piccoli semini rossi, di sapore a seconda delle varianti dolciastro o aspro, contenuti in questa “corteccia”. Il frutto del melograno è ricco di antiossidanti nonché di vitamine (A, B e C) e sali minerali che rinforzano il sistema immunitario: se consumato costantemente in questo periodo aiuta quindi a rafforzare le difese immunitarie contro i malanni di stagione. Tra le numerose caratteristiche positive di questa bacca, c’è anche l’apporto poco calorico: circa 60 Kcal per 100 grammi di prodotto.

Inoltre bisogna ricordare che il consumo regolare del frutto o del succo di melagrana può aiutare a ridurre il colesterolo e può agire come anticoagulante, diminuendo il rischio di arteriosclerosi e prevenendo le malattie cardiovascolari. Secondo un recente studio portato avanti negli Stati Uniti, sembrerebbe che la melagrana influisca positivamente contro l’avanzare delle cellule tumorali. Bisogna però sempre ricordare di non esagerare, come per ogni alimento; il consumo eccessivo di melagrana infatti può provocare intossicazione e potrebbe inibire l’efficacia di alcuni medicinali.

Credit Foto: Nitr / Shutterstock

Dove vedere Francia Irlanda

Casa di Pogba, maxi furto durante Inter – Juventus

omicidio pordenone ultime news

Omicidio Pordenone: spunta un’altra telecamera che ha ripreso Giosuè Ruotolo