in ,

Melegatti chiude? La favola di Natale salva l’azienda ma resta il rischio cassa integrazione (INFO)

Melegatti chiude? L’azienda veronese, produttrice di pandoro, panettone e merendine, può tornare a sorridere grazie al Natale. Ma il rischio cassa integrazione per i lavoratori è sempre dietro l’angolo.

Melegatti chiude?

La chiusura di Melegatti è stata scongiurata. Come? Grazie alle campagne sui social network e all’aiuto dei supermercati a vendere circa 1,5 milioni di pandori. I forni erano stati riaccesi dopo l’investimento di un fondo maltese e adesso è già in fase di preparazione il ‘piano’ per le colombe di Pasqua. A riportare la notizia è stato il Corriere Veneto, che ha anche avuto modo di intervistare i nuovi vertici dell’azienda: “La risposta dei clienti è stata ottima e l’obiettivo è stato centrato: è stato dimostrato che questo è un prodotto fantastico, dal marchio fortissimo”, ha spiegato al quotidiano veneto Luca Quagini, nuovo direttore generale di Melegatti.”

Il caso Melegatti: quali numeri?

Ci sono dipendenti e consumatori che stanno facendo il massimo per garantire agli oltre 300 lavoratori (90 fissi, gli altri stagionali) di tornare a percepire con puntualità lo stipendio. Ma non si può non considerare la presenza di una profonda crisi, che ha portato la società produttrice di pandoro, panettone e merendine, in deficit di liquidità.

Melegatti chiude? La favola di Natale salva l’azienda

Melegatti è stata salvata nelle ultime settimane grazie a un fondo maltese. Ai primi di novembre, presso il tribunale di Verona, era stata avviata la procedura di concordato con riserva. Poi, con la disponibilità dei fornitori di uova, farina e burro, nell’ultima settimana di novembre è ripartita la produzione. Gli ordini, oggi, hanno superato di gran lunga il milione e mezzo di pezzi prodotti. Ma la settimana prossima, secondo le intenzioni manifestate dall’azienda ai sindacati, potrebbe tornare la cassa integrazione.

La storia di Melegatti: marchio storico del Natale

Melegatti è nata nel 1894, quando Domenico Melegatti inventò forma, nome e ricetta del pandoro. Nessuno, per i primi 50 anni, riuscì a imitare quel prodotto. Poi la validità del brevetto è decaduta. Il Pandoro, si legge sul sito dell’azienda, “nacque come Dolce per tutte le Feste e per la Domenica. I medici, all’inizio del secolo, lo consigliavano addirittura ai convalescenti e alle puerpere come alimento leggero e nutriente. Solo successivamente, con il consumo di massa, diventò il Dolce da ricorrenza associato al Natale”.

Mission Impossible facebook

Programmi tv 11 dicembre 2017: Scomparsa, Mission Impossible-Rogue Nation, Il padrino, Amore & altri rimedi

Rimborso Tari Gonfiata a rischio

Rimborso Tari a rischio? La denuncia: “C’è rischio prescrizione”, ecco come fare (INFO)