in

Melissa Satta, matrimonio rimandato al 2015 e una bambina tra i suoi sogni

Melissa Satta dovrà ancora aspettare un po’ prima di indossare il tanto desiderato abito bianco. Sebbene fino a qualche settimana fa si parlasse di matrimonio imminente con il calciatore Kevin prince Boateng, la showgirl ha smentito la notizia e ha precisato che le nozze ci saranno, ma soltanto tra un anno. L’estate 2015 è il periodo indicato dalla bella Melissa, che per il prossimo anno ha anche un altro sogno da realizzare, diventare madre per la seconda volta!

melissa satta matrimonio kevin prince boateng

Le nozze saranno nel 2015, a campionato finito, quindi tra giugno e luglio. Quest’anno abbiamo già avuto una grande emozione, la nascita di nostro figlio Maddox Prince. Vogliamo dedicarci a lui, vederlo crescere e godere dei suoi progressi“, ha rivelato Melissa Satta sulle pagine del settimanale Gente. A distanza di circa un anno, come immagina il suo matrimonio? Per Melissa ed il calciatore si tratterà di una cerimonia tradizionale, in chiesa, ambientata in Sardegna, a cui seguirà una festa con parenti e amici.

Sull’argomento maternità, Melissa Satta ha rivelato di volere in futuro un altro figlio, ed in particolare una bambina, ma soltanto dopo che saranno celebrate le nozze. Anche perché, racconta la showgirl, fare la madre non è stato per lei facile, soprattutto durante i primissimi mesi: “Maddox è un bimbo bravissimo. Come mamma mi sento easy, non ansiosa. Ora è una passeggiata, ma se ripenso a dopo il parto…“, ha raccontato Melissa al settimanale Gente.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Mirco in confessionale

Grande Fratello 13, Mirco Petrilli dimentica Modestina per un’estate tra le donne

blinis tapenade di fave casaba

Ricette estive, la ricetta veloce dei “blinis con tapenade di fave” di Csaba